Valeria Ghezzi, Presidente ANEF, oggi a Roma per l’incontro con il Ministro del Turismo, Daniela Santanchè.

Manca la neve in Appennino e il Natale trascorso senza nemmeno un impianto aperto ha causato enormi danni alle aziende che gestiscono i comprensori sciistici e, di conseguenza, a tutto l’indotto del turismo montano.

Questo il tema affrontato questa mattina al tavolo promosso dal Ministro del Turismo Daniela Santanchè a cui hanno partecipato esponenti delle regioni e le associazioni di settore, tra cui Federturismo e ANEF (Associazione Nazionale Esercenti Funiviari) convocate in seguito al grido d’aiuto lanciato proprio dagli impiantisti e dalle regioni maggiormente colpite, tra cui Emilia-Romagna, Toscana e Abruzzo.

“Il Ministro ha dimostrato sensibilità e attenzione per le nostre istanze e tutti gli interlocutori sono stati concordi nel riconoscere come fondamentale la stagione invernale per le stazioni di montagna e l’industria dello sci come volano dell’intera economia turistica delle terre alte – ha spiegato Valeria Ghezzi, presidente di ANEF – Non è stato il primo inverno senza neve e non sarà l’ultimo ma la situazione delle imprese impiantistiche degli Appennini ci costringe a riflettere e a prendere provvedimenti immediati”.

L’assenza di precipitazioni nevose e le alte temperature che impediscono di produrla possono essere considerate come una calamità naturale per le imprese impiantistiche e pongono problemi che riguardano tutta la filiera. Con le piste chiuse anche il sistema ricettivo e delle professionalità legate al mondo della montagna non lavora.

Tutte le località, negli ultimi anni, si sono mosse per diversificare l’offerta e per ampliarla puntando alla destagionalizzazione. La neve e lo sci restano tuttavia centrali e insostituibili per permettere alla montagna di lavorare, di vivere e di limitare il processo di spopolamento della montagna.

Le aziende funiviarie sono il motore del turismo montano e per come sono strutturate incassano solo per 4 mesi l’anno (la stagione sciistica) ma lavorano per 12 mesi per garantire le manutenzioni e gli standard di sicurezza.

Senza l’inverno la montagna perde il nucleo della sua sostenibilità economica – ha concluso Valeria Ghezzi – L’urgenza è ora quella avere un supporto sull’ordinario, ovvero una moratoria sui mutui, essenziale per dare respiro alle aziende che si trovano nell’impossibilità di lavorare, e ammortizzatori sociali per i dipendenti stagionali e fissi. Abbiamo anche chiesto al Governo la creazione di un tavolo di monitoraggio continuo che permetta di avere da una parte dati precisi e affidabili su cui impostare il lavoro nei prossimi anni, dall’altra la possibilità di agire in modo tempestivo in caso di crisi. Uno strumento che sarebbe utile oggi per l’Appenino e domani per tutta la montagna”.

    Questo articolo è stato redatto da ANEF

ANEF, a livello nazionale, è l’unica associazione di categoria del settore riconosciuta da Confindustria, aderisce a Federturismo ed è anche l’unico interlocutore accreditato presso le organizzazioni sindacali ai fini del rinnovo del CCNL di settore. In ambito internazionale, ANEF aderisce a FIANET (Fédération Internationale des Associations Nationales d’exploitation de telepheriques) e OITAF (Organizzazione Internazionale Trasporti A Fune). Attualmente fanno capo ad ANEF circa il 90% delle aziende funiviarie italiane, distribuite sia nei territori alpini, sia in quelli appenninici, sia nelle isole. La rappresentatività è assicurata dall’adesione diretta, o tramite sezioni territoriali, di oltre 1.500 impianti, con una forza lavoro stimata di circa 13.000 unità, tra fissi e stagionali, nel periodo di piena attività.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…
Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy


    Ultimo aggiornamento cache pagina: 8/02/2023, 12:31 Sito Forum