Home Notizie Forum Cantieri Impianti Macchine Neve Divertimento Turismo Gallery Mappe Annunci Shop Contatti

Stazioni ad elevata automazione AURO anche sulle seggiovie Doppelmayr

AURO continua a svilupparsi: oltre alle cabinovie, presto anche le seggiovie potranno avere stazioni ad elevata automazione senza personale.

 

Con “Autonomous Ropeway Operation” (AURO), il concetto di “funzionamento autonomo” per le funivie, Doppelmayr ha lanciato una vera e propria pietra miliare per il settore. Il sistema consente il servizio di trasporto passeggeri di un impianto funiviario senza l’ausilio di personale di stazione.

Con le cabinovie Kumme a Zermatt e Valisera nel comprensorio sciistico di Silvretta Montafon, sono già stati realizzati con successo due impianti AURO. Grazie all’esperienza dei primi anni di funzionamento e al lavoro di ricerca di Doppelmayr, questo sistema pionieristico viene continuamente migliorato. Il prossimo passo evolutivo sta per essere completato, la fase prototipale è già in servizio di trasporto passeggeri: AURO per le seggiovie.

La sicurezza prima di tutto

Poiché le aree di imbarco e di sbarco di una cabinovia sono molto diverse da quelle di una seggiovia, il precedente concetto di AURO non può essere trasferito uno a uno. Sono necessari molti test e aggiustamenti, perché alla fine si deve raggiungere lo stesso livello di sicurezza di un impianto tradizionale. L’obiettivo è che i passeggeri percepiscano l’uso della seggiovia come ugualmente sicuro, nonostante la mancanza di personale operativo. E questo con una capacità di trasporto paragonabile.

Una tecnologia che impara

Per affrontare queste sfide, Doppelmayr ha coinvolto un partner dinamico per lo sviluppo, la ditta Mantis. L’azienda svizzera si occupa di tecnologie di monitoraggio ad intelligenza artificiale e si concentra sull’aspetto dell’”apprendimento continuo”. Ciò significa che il sistema deve apprendere autonomamente da situazioni diverse e migliorarsi continuamente. Questa tecnologia, unita alla pluriennale esperienza di Doppelmayr nel settore funiviario, ha lo scopo di ottenere la comprovata disponibilità degli impianti.

Hub per tutti gli impianti

Come per le cabinovie, anche AURO per le seggiovie sarà integrato nel sistema di controllo Doppelmayr Connect. La compatibilità è tale che in futuro sarà possibile monitorare contemporaneamente diversi impianti a fune. Ciò significa che diversi impianti, siano essi cabinovie o seggiovie, possono funzionare attraverso un Ropeway Operation Center (ROC) comune. Il ROC può essere situato indipendentemente dall‘impianto. In particolare per le stazioni sciistiche, ciò consente di impiegare il personale in modo mirato e di mantenere elevati i fattori di sicurezza e le prestazioni di trasporto.

Funzionamento di prova già in corso

Attualmente, due seggiovie in Austria e Svizzera sono già in esercizio di prova. Nella prima fase, i test partono da una stazione a monte non presidiata, monitorata da AURO. Prima dell‘inizio della stagione invernale, il team di sviluppo ha condotto un esercizio di prova esclusivo con alcuni dipendenti di Doppelmayr. Sono state simulate diverse situazioni e provate in condizioni realistiche. Con l‘inizio della stagione invernale 2022/23, AURO è in funzione in modo reale sotto l‘osservazione dei dipendenti dell‘impianto. Le loro esperienze e il feedback dei passeggeri sono molto preziosi e confluiscono direttamente nell‘ulteriore sviluppo. Anche le procedure ufficiali sono a buon punto e il necessario processo di certificazione è già stato completato con successo dopo due anni intensi. Ciò significa che nulla ostacola l‘esercizio AURO con una stazione a monte non presidiata per le due seggiovie a partire dalla stagione invernale 2023/24.

Carl Biagosch, cofondatore di Mantis, spiega in un‘intervista come funziona il sistema di autoapprendimento per AURO:
Signor Biagosch, qual è il ruolo di Mantis nel progetto AURO per le seggiovie?

Mantis sta sviluppando il sistema di computer vision per AURO per le seggiovie. Visione computerizzata significa riconoscimento intelligente delle immagini – insegnare a un computer a vedere come un essere umano con l’aiuto di telecamere. In questo modo è possibile rilevare cadute e altri conflitti nell’area di sbarco sulla base di immagini video in diretta, per attivare una reazione come un arresto di emergenza o un rallentamento in tempo reale.

Quali sono le particolarità del lavoro con le funivie?

Le aree di ingresso e di sbarco sono chiaramente limitate in termini di spazio, ma molto difficili da attrezzare con i sensori convenzionali perché i passeggeri sono costantemente in movimento. Queste sono le condizioni ideali per un sistema di sicurezza “senza contatto” che possa osservare queste aree dall’esterno, in modo simile all’occhio umano.

In futuro, il sistema dovrebbe imparare in modo indipendente dalle reazioni. Come può immaginarlo un profano?

Una strategia molto efficace è che il computer chieda un secondo parere a un esperto, se necessario. Questo perché il sistema non solo riconosce le possibili situazioni di conflitto, ma calcola anche un valore per stabilire quanto è sicuro di aver riconosciuto correttamente alcune cose. In seguito, può inviare le registrazioni di una situazione con minore certezza a un esperto – in questo caso un dipendente Mantis – e imparare dalla sua decisione.

Quali sono state, secondo lei, le maggiori sfide di questo progetto?

Le seggiovie si trovano solitamente in luoghi molto esposti. La variazione delle condizioni di luce, del tempo e dei riflessi può essere enorme. Per adattare il nostro sistema a questa situazione, è stato studiato con le registrazioni di cinque stagioni invernali, su nove diversi impianti con diverse posizioni e configurazioni. Solo così possiamo essere certi che il sistema abbia visto davvero ogni tipo di tempo.


    Questo articolo è stato redatto da Doppelmayr

Il Gruppo Doppelmayr rappresenta la qualità, la tecnologia e la leadership di mercato nella costruzione di impianti a fune per il trasporto di persone e materiali e di soluzioni intralogistiche ad alta tecnologia. L'azienda vanta 130 anni di storia e un secolo di esperienza nella progettazione, sviluppo, design, produzione e costruzione di impianti a fune. Questa tecnologia collaudata e la sua affidabilità hanno reso gli impianti a fune una soluzione di mobilità popolare e performante nelle regioni sciistiche, ricreative e nelle città di tutto il mondo.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 16/07/2024, 21:53 Sito Forum