Peak Line – Un nuovo concetto Doppelmayr per le Funivie a va e vieni

Modulare, di facile manutenzione e compatto: con Peak Line, Doppelmayr/Garaventa presenta un innovativo concetto di stazione di funivia a va e vieni che stabilisce nuovi standard in termini di facilità d’uso e velocità di realizzazione.

 

Peak Line è un concetto di stazione per funivie aeree a va e vieni. Ciò che distingue la Peak Line da una “classica” funivia è il sofisticato sistema modulare, in cui le interfacce per gli ingegneri civili, gli architetti e i progettisti sono chiaramente definite. Di conseguenza, la Peak Line permette una rapida progettazione e realizzazione di un impianto.

 

 

Versatile

La Peak Line è disponibile nelle dimensioni “Small” (per cabine da 30-55 persone) e “Large” (con cabine da 60-100 persone) ed è adatta per le funivie a va e vieni a due vie di corsa, senza freni sul carrello e funi portanti ancorate. Durante lo sviluppo della Peak Line, è stata anche prestata attenzione al fatto che sia possibile un funzionamento autonomo (AURO).

 

Design moderno

L’architettura moderna e la tecnologia innovativa si fondono negli edifici delle stazioni, che sono luminosi e aperti, il design segue linee chiare. Dal piano di imbarco al rivestimento della stazione e ai veicoli, c’è un coerente concetto di design. L’area anteriore aperta – che non ha alcuna struttura di supporto – fornisce una vista senza ostacoli della linea e del panorama circostante.

 

Concetto modulare

La Peak Line offre un concetto di stazione completamente ottimizzato, sia strutturalmente che meccanicamente. Tutti i componenti funiviari sono installati e posizionati su e intorno a pilastri centrali di calcestruzzo. I montanti sono quindi l’elemento centrale tra gli apparati elettromeccanici e la costruzione civile. La disposizione dei componenti separati delle vie di corsa permette di adattare in modo ottimale l’intervia delle stazioni alle condizioni richieste dall’impianto. Nonostante la standardizzazione, la Peak Line offre un alto grado di personalizzazione con molte possibilità di design.

 

Design individuale

Nella versione standard della Peak Line, le facciate delle stazioni sono coperte da una mesh. Questo crea una vasta gamma di opzioni per il design individuale dell’impianto a fune. Vari altri materiali come la lamiera striata, il legno o il vetro ampliano le opzioni di rivestimento. Interessanti opzioni di personalizzazione per gli edifici della stazione sono offerte anche dai moduli media ledwall, che possono essere utilizzati per visualizzare immagini in movimento o grafici come desiderato. Gli elementi del pannello si trasformano rapidamente in superfici pubblicitarie e informative. Le pensiline sono disponibili in versione aperta, parzialmente coperta o chiusa.

 

Di semplice manutenzione

Il concetto di spazio intelligente aumenta significativamente il comfort di manutenzione per i tecnici manutentori. Per un comodo accesso alla meccanica funiviaria, la scala è stata implementata nelle steli di calcestruzzo. Nella stazione di tensionamento, la Peak Line ha anche un dispositivo di riposizionamento di nuova concezione. Questo permette di recuperare l’allungamento della fune traente in un tempo molto breve con l’aiuto di cilindri idraulici, accorciando così la corsa del contrappeso. La Peak Line può essere equipaggiata con un concetto di soccorso integrato con due sistemi di recupero. Inoltre, è possibile parcheggiare entrambi i veicoli nella stazione a valle.

 

Silenziosa

Per garantire un alto livello di comfort per i passeggeri e il personale, la Peak Line è stata progettata con livelli di rumore e vibrazioni particolarmente bassi. Grazie alla disposizione scelta, non c’è bisogno di rulli nella scarpa nella stazione inferiore. Nella stazione superiore, viene utilizzata una batteria di rulli di nuova concezione con un supporto oscillante e smorzato. Questo garantisce un livello di emissioni che non disturbano i passeggeri ed il personale tecnico.

 

Brevi tempi di costruzione e minima impronta

Grazie alle interfacce standardizzate e quindi a processi di lavoro brevi durante la costruzione, i tempi di realizzazione di un nuovo progetto di una funivia a va e vieni possono essere mantenuti molto brevi e i costi di progettazione ridotti. Anche il design semplificato delle fondamenta e le stazioni compatte riducono i costi. La profondità minima del pozzo del contrappeso contribuisce anche all’ottimizzazione dei costi e all’ingombro ridotto sul terreno.


    Questo articolo è stato redatto da Doppelmayr

Il Gruppo Doppelmayr rappresenta la qualità, la tecnologia e la leadership di mercato nella costruzione di impianti a fune per il trasporto di persone e materiali e di soluzioni intralogistiche ad alta tecnologia. L'azienda vanta 130 anni di storia e un secolo di esperienza nella progettazione, sviluppo, design, produzione e costruzione di impianti a fune. Questa tecnologia collaudata e la sua affidabilità hanno reso gli impianti a fune una soluzione di mobilità popolare e performante nelle regioni sciistiche, ricreative e nelle città di tutto il mondo.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 17/04/2024, 10:57 Sito Forum