I nuovi impianti a fune in Italia nel 2016

I nuovi impianti a fune in Italia nel 2016

Questa la lista completa dei nuovi impianti

2016

Nuova cabinovia 10-MGD K-Express, Cadipietra (BZ)

La sede di Lana è intervenuta a Cadipietra (BZ) per la sostituzione della cabinovia esaposto “Klausberg”, realizzata sempre da Doppelmayr nel 1994 (potenzialità di trasporto di 1600 P/h), con una nuova cabinovia con veicoli a dieci posti per una potenzialità di trasporto di 2200 P/h.

La sostituzione dell’impianto di arroccamento si è resa necessaria per garantire una maggior portata, specialmente nelle ore mattutine di maggior affluenza e per garantire un maggior comfort di viaggio con le nuove cabine più capienti, garantendo nel frattempo maggiori facilità nelle fasi d’imbarco e sbarco a livello dei viaggiatori.

L’ubicazione dell’impianto è rimasta pressoché invariata, con la stessa collocazione della stazione di valle, mentre a monte si è realizzato uno spostamento laterale della nuova stazione con un disassamento di circa 15 m per garantire un maggior spazio per il movimento dei viaggiatori.

La rotazione della linea è stata anche fondamentale per consentire la costruzione del nuovo impianto senza interrompere l’esercizio del vecchio né durante la stagione estiva né durante quella invernale. Nell’autunno 2015 è stata realizzata la stazione di monte a fianco della vecchia, mentre da marzo a giugno 2016 è stata ricostruita la stazione di valle, garantendo l’apertura a tempo di record per la stagione estiva 2016.

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 4-CLF Saroden – Cima Vioz, Pejo (TN)

Il comprensorio sciistico di Pejo si colloca nella provincia di Trento ai piedi del Monte Vioz, una delle piú alte cime del gruppo Ortles-Cevedale. Con la costruzione della nuova seggiovia quadriposto “Saroden – Cima Vioz” e della relativa pista di discesa con innevamento programmato, la società “Pejo Funivie” intende ammodernare il comprensorio sciistico, smantellando l’ormai obsoleta sciovia “Saroden”, costruita nell’anno 1968 e ormai dismessa. Il nuovo tracciato è stato traslato verso destra e prolungato verso monte rispetto a quello della sciovia.

Per limitare al massimo l’impatto ambientale dell’impianto, è stata scelta la tipologia “Chairdrive”, ossia di tipo compatto che raggruppa in un’unica stazione la funzione motrice e di tensionamento, limitando la seconda stazione ad un semplice rinvio fisso. Tutti gli organi meccanici bisognosi di manutenzione si trovano nella stessa stazione, e gli ingombri e l’impatto visivo sono estremamente limitati. Anche i movimenti terra e gli scavi, necessari per la realizzazione dell’impianto, sono stati contenuti al minimo indispensabile.

spaziatore_50x50

Nuova sciovia 1-SL Antermoia, Antermoia (BZ)

L’impianto è un cosiddetto “Dorflift”, ossia sciovia di paese, ed è situata nell’omonima frazione della Val Badia, inclusa nella zona sciistica di Plan de Corones. Sostituisce un precedente impianto, sempre Doppelmayr, che aveva superato i 40 anni di età.

Il nuovo impianto ha la particolarità di essere dotato di una nuova stazione intermedia per la discesa, che è stata attrezzata con impianto di videosorveglianza, pulsante di arresto e sensori il controllo di mancato sbarco. In questo modo è possibile sfruttare anche il tratto basso della pista, più largo, semplice e quindi indicato come campo scuola per bambini.

spaziatore_50x50

Nuova sciovia 1-SL Anger, Sarentino (BZ)

Anche la sciovia Anger è un impianto “Dorflift” ed è stata realizzata grazie ai finanziamenti predisposti dalla Provincia autonoma di Bolzano per l’ammodernamento delle piccole sciovie di paese, per avvicinare i bambini allo sport fin dai primi anni di vita.

L’intervento ha previsto anche l’innalzamento della quota di tutta la zona di partenza, per ridurre la pendenza della pista e rendere più sicuro l’accesso ai principianti e bambini. La sciovia si trova nei pressi dell’ufficio skipass e della stazione di valle della cabinovia di Reiswald.

spaziatore_50x50

Rinnovo funivia ENEL Fondovalle – Lago Avio, Edolo (SO)

Ammodernamento funivia ENEL Bar Cenisio – Finestra Berta, Venaus (TO)

Sono numerosi gli impianti delle aziende elettriche di cui Doppelmayr Italia segue costantemente la manutenzione e le revisioni, si tratta circa di 20 tra piani inclinati, funicolari, funivie e teleferiche. Nel 2016 sono state sottoposte ad importanti revisioni le funivie di Edolo e Venaus, che conducono dal fondovalle a impianti idroelettrici, in questo caso rispettivamente ad una diga e ad una camera valvole.

A Edolo l’intervento ha interessato la sostituzione integrale dell’argano motore, dell’argano di recupero, delle pulegge e delle funi, degli azionamenti elettrici, la fornitura di due nuove cabine ed il controllo di tutte le altre strutture.

A Venaus, invece, gli interventi sono stati più limitati con i controlli non distruttivi su tutto l’impianto e la sostituzione dell’azionamento elettrico, fornito dalla ditta Funitek che ormai oltre 10 anni realizza tutti gli azionamenti elettronici per Doppelmayr Italia.

spaziatore_50x50

Ammodernamento cabinovia 8-MGD Pradel – Salei, Canazei (TN)

La cabinovia Pradel – Salei, realizzata da Doppelmayr (Agamatic) nel 1996, collega la strada che da Canazei porta al Passo Sella con i prati alle pendici del Col Rodella e Sassolungo, ed è fondamentale per il carosello sciistico del Sellaronda.

È stata sottoposta a revisione ventennale con sostituzione dell’argano motore, azionamento elettrico e nuove cabine panoramiche con vetratura integrale fino a terra, che consentono di godere del panorama sulle cime della Val di Fassa durante il viaggio, oltre a garantire un maggior comfort grazie alle panche più grandi e imbottite e all’assenza del tubo portante centrale.

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 8-CLD Enzian, Racines (BZ)

Racines, un comprensorio perla, della provincia di Bolzano, ha realizzato in questa estate la prima seggiovia in Italia a 8 posti ad agganciamento automatico, targata Leitner ropeways. Il nuovo impianto, chiamato “Enzian”, va a sostituire una seggiovia a agganciamento automatico 4 posti del 1995 mantenendo la stessa linea.

Le caratteristiche principali dell’impianto sono le seguenti: azionamento diretto, poggiasci individuali, blocco automatico barra, portata di 2800 p/h, 5 m/s la velocità e 37 seggiole. Uno sguardo particolare va riservato alle seggiole che sono il top di gamma dell’azienda di Vipiteno, infatti sono le Premium Chair, vero e proprio highlight grazie al loro design in stile automobilistico e ai rivestimenti in vera pelle.

Una chicca che si aggiunge già alla modernità degli impianti di questa stazione sciistica altoatesina.

spaziatore_50x50

Nuova cabinovia 8-MGD Portados, Arabba (BL)

Ad Arabba il prossimo inverno sarà possibile usufruire del nuovo impianto “Portados”, che va a sostituire la vecchia omonima seggiovia. L’impianto che sarà una nuova cabinovia a 8 posti, firmata Leitner Ropeways, prevede cabine che potranno ospitare fino a 8 persone per una capacità di 2400 p/h, ma sarà possibile arrivare a una portata di 3000 p/h ripiegando le sedute e facendo viaggiare gli utenti in piedi.

La cabinovia avrà la stazione di partenza adiacente al DMC e il tracciato non seguirà quello storico della seggiovia ma un altro trovato dopo aver scartato varie opzioni. L’importanza di questo impianto è la possibilità per coloro che faranno il Sella-Ronda in senso orario di evitare il ripido e pericoloso muro di Porta Vescovo e andare poi verso il passo Pordoi con la seggiovia “Carpazza” e la pista “Salere”.

Questo impianto va ad incrementare la piccola rivoluzione che hanno avuto gli impianti di Arabba negli ultimi anni.

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 8-CLD Gran Paradiso, Selva Gardena (BZ)

Novità principe del Dolomiti Superski, sarà la nuova seggiovia a 8 posti “Gran Paradiso” , che andrà a sostituire lo storico skilift, anche questa della ditta di Vipiteno.

Rispetto alla linea precedente, questa sarà più lunga di alcuni metri per permettere di servire il flusso del “Sellaronda verde”, della “Città dei Sassi” e per l’appunto della pista “Gran Paradiso”. Partito come esaposto, il progetto è stato convertito in 8 posti grazie ad una variante concessa nei mesi scorsi, che ha consentito di ridurre il numero delle seggiole in linea e di aumentare il comfort di viaggio. Insieme a quella di Racines è tra le prime seggiovie a 8 posti d’Italia e sarà la prima dotata di riscaldamento sedili e di cupole azzurre.

Alcuni dati tecnici dell’impianto sono: portata di 2200 p/h, velocità di 5m/s. L’impianto sarà inoltre dotato dell’innovativo argano diretto “Direct Drive”, con motore sezionale a corrente alternata a basso numero di giri, che aziona direttamente la puleggia motrice senza l’interposizione di un riduttore.

spaziatore_50x50Nuovo Telemix 6/8 Laner, Obereggen (BZ)

Altra novità del Dolomiti Superski, sarà il nuovo impianto dotato di seggiovie e cabinovie “Laner”. Questo andrà a sostituire la seggiovia quadriposto così gli ospiti potranno viaggiare più comodamente.

Dotato di seggiole da sei posti e cabine da otto posti, non solo migliorerà la qualità del trasporto, ma offrirà anche una maggiore funzionalità perchè sarà realizzata inoltre una pista da slittino lunga 750 metri tra la malga Epircher-Laner e la stazione a valle. In futuro gli appassionati di slittino potranno quindi raggiungere comodamente la loro meta grazie al nuovo impianto flessibile e spazioso.Un ulteriore vantaggio del nuovo impianto è che renderà più confortevole ed efficiente il collegamento con la stazione sciistica di Pampeago, inoltre ci sarà Maggiore comfort e sicurezza grazie a numerosi accorgimenti tecnici, come le seggiole con poggiasci singoli e le stazioni lunghe per un accesso più agevole.

Con 4 sostegni, l’impianto raggiungerà i 1.834 metri di altitudine, potrà trasportare 3.000 p/h, avrà 36 seggio/cabinovie e viaggerà a una velocità di 5 m/s.

spaziatore_50x50

Nuova cabinovia 10-GD Pfannspitze – Plose, Bressanone (BZ)

Anche sulla Plose, la montagna di Bressanone, con la stagione invernale 2016/2017 al posto delle seggiovie Skihütte, 3CLF Leitner 1997, e Pfannspitze,3CLF Leitner 1997, entrerà in funzione l’impianto GD10 Pfannspitze.

La cabinovia, provvista di 11 sostegni, salirà da 1.918 a 2.472 metri di altitudine su una lunghezza inclinata di 1.715 metri, avrà una capacità di 1800 p/h, 36 cabine e viaggerà a 6 m/s. L’impianto è dotato dell’innovativo DirectDrive di LEITNER ropeways. Tra questi figurano consumi ridotti, minore usura e minori costi di manutenzione, ma anche una migliore compatibilità ambientale e un maggiore comfort di viaggio grazie alla rumorosità contenuta.

Appare evidente come la multifunzionalità è un elemento fondamentale ormai per gli impianti a fune ed infatti in estate nelle grandi cabine da 10 posti i passeggeri con bicicletta al seguito, le famiglie con passeggino e i portatori di sedia a rotelle troveranno spazio a sufficienza e maggiore comfort di viaggio.

spaziatore_50x50

Nuova cabinovia 10-MGD Castelir-Fassane-Morea, Bellamonte (TN)

La prossima stagione dello sci, vedrà una grande novità anche per il comprensorio Moena-Alpe Lusia, dove  è stata eseguita la sostituzione delle due esistenti seggiovie quadriposto “Castelir-Fassane” e “Fassane-Morea” con una moderna cabinovia accoppiata tramite stazione intermedia su entrambi i rami, con cabine a 10 posti, di fattura Leitner.

La quota minima dell’impianto sarà di 1553 m.s.lm. a Catelir e la massima di 1967 m alla Morea, una velocità di 6 m/s e una portata ora di 2600 p/h. Il nuovo impianto nel suo complesso è costituito da due tronchi indipendenti ma accoppiabili, con passaggio tra loro dei veicoli mediante rotaie di trasferimento nella stazione intermedia ad angolo. La linea nel suo complesso avrà solo la stazione intermedia posizionata più verso il bordo ovest della pista. Per la stazione intermedia è stato studiato un inserimento ambientale con uno studio architettonico e d’inserimento paesaggistico nel contesto boscato in cui è prevista la collocazione.

Le motivazioni che hanno spinto la società ad effettuare tale importante e impegnativa scelta, sono ed esempio la maggior sicurezza per i bambini, la possibilità di trasportare le slitte in inverno e le bici d’estate e favorire anche il trasporto di disabili, tema molto sensibile per questa località.

spaziatore_50x50

Nuove cabinovie 10-MGD Pizzalto – Macchione – Gravare,

Gravare – Toppe del Tesoro, Roccaraso (AQ)

Da questo inverno il comprensorio Roccaraso si presenterà molto cambiato rispetto alla scorsa stagione. Infatti entreranno in funzione 2 nuove cabinovie, la prima collegherà la zona Pizzalto-Aremogna-Gravare, con stazione intermedia nei pressi dell’ ex Casa Cantoniera Anas, e l’altra cabinovia che partirà appena subito dopo la stazione di arrivo della precedenta e arriverà a Toppe del Tesoro a 2066 m.s.l.m. L’appalto per entrambi gli impianti è stato vinto dalla Leitner ropeways di Vipiteno.

Entrambi gli impianti avranno una portata di 1400 p/h, il primo tronco avrà 30 cabine mentre sul secondo saranno 25 di 10 posti ciascuno, viaggeranno a una velocità di 6 m/s e saranno accessibili ai disabili e anche per la stagione estiva. Collegano in maniera perfetta due accessi importanto del comprensorio. L’intervento comprende anche il potenziamento dell’impianto di innevamento per innevare gli 80 chilometri di piste del comprensorio sciistico con l’utilizzo di nuovi cannoni di ultima generazione ad alto rendimento e a basso consumo energetico. Al fine di consegnare a Roccaraso l’impianto di innevamento più grande d’Italia, la realizzazione di un bacino idrico a Monte Pratello e l’ampliamento di quelli di Pizzalto e dell’Aremogna.

spaziatore_50x50

Nuova cabinovia 12-MGD Foppolo-Montebello, Foppolo (BG)

Dopo alcuni anni di stallo, il prossimo inverno il comprensorio  di Foppolo avrà il primo pezzo per avere un rilancio come località sciistica. Infatti sarà possibile accedere al comprensorio da Foppolo, zona del condominio Valgussera (più a destra dell’attuale partenza della Quarta Baita),per arrivare poco a monte (sulla sinistra) del rifugio Terrazza Salomon al Montebello, con la cabinovia, ex Boè, che è stata acquistata alcuni anni fa a Corvara, marcata Leitner. Questo nuovo impianto percorrerà la distanza di 2100 m fino a Montebello, lungo i suoi 18 pali, in soli 6 minuti, invece degli attuali 30 delle seggiovie,  trasportando 2800 p/h con 54 cabine. Fino alla scorsa stagione per accedere al comprensorio venivano impiegate 2 seggiovie, poi andate a fuoco questa estate a causa di un incendio doloso.

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 3-CLF COTE D’PIN FAURE, Sauze D’Oulx (TO)

Dal prossimo inverno sul comprensorio “galattico” della “Via Lattea”, sarà presente un nuovo impianto chiamato “Cote d’pin faure”, grazie allo smontaggio e il riposizionamento allo Genevris della seggiovia triposto già esistente “Gran Comba – Richardette Superiore”. Il nuovo riposizionamento partirà a poca distanza dal vecchio arrivo della biposto Clotes-Pian della Rocca e l’arrivo della seggiovia riposizionata si troverà a circa 135 mt. a nord nord-est rispetto all’asse puleggia Moncrons, come quota 10 metri più in alto.

Inoltre sarà realizzata la nuova pista, che da monte arriva a Pian della Rocca (se ne sta occupando la ditta Ferraris di Cesana). Questa discesa sostituirà l’attuale pista 34, partendo dall’arrivo dello skilift Tuassiers, passando sotto la nuova seggiovia e arrivando a Pian della Rocca (tagliando la pista 3000).

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 4-CLD Alpe Palù-Cima Motta, Chiesa Valmalenco (SO)

La prossima stagione, nel comprensorio di Chiesa Valmalenco, ci sarà la novità della sostituzione della seggiovia quadriposto fissa “Alpe Palù-Cima Motta”, con il riposizionamento della  4cld-B Trametsch delle Plose (Bressanone).

Il vecchio impianto era stato costruito dal gruppo Poma tra il 1991 e 1992. Il nuovo impianto, Leitner, avrà uno portata di 1600 p/h, una velocità di 5m/s, la linea sarà lunga 1428 m e si passerà da un agganciamento fisso a uno automatico, da 22 pali a 12 e ricalcherà quella attuale dell’impianto. La quota di partenza sarà a 2002 m.sl.m e arriverà a 2339 m.s.l.m.. Inoltre tutte le seggiole saranno coperte, così che consentiranno una risalita più comoda e calda anche nei giorni più rigidi della stagione.

spaziatore_50x50

Nuova seggiovia 3-CLF Dzeleuna, Courmayeur (AO)

Anche la stazione di Courmayeur il prossimo inverno avrà un nuovo impianto, infatti ci sarà la sostituzione della vecchia biposto Nascivera denominata “Dzeluna” con il riposizionamento della seggiovia “Skihutte” una triposto Graffer, proveniente dal comprensorio della Plose.

spaziatore_50x50

Altri impianti realizzati nel 2016

La lista completa degli impianti in costruzione nel 2016 è reperibile:


    Questo articolo è stato redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 7500 pagine visitate al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 18/05/2024, 21:17 Sito Forum