Doppelmayr: gli impianti in Italia nel 2015

Da Canazei al Vietnam, gli impianti realizzati nello stabilimento di Lana d’Adige.

Impianti speciali – Italia

Nuove Funivie del Monte Bianco, Courmayeur (AO)

I due tronchi di nuove funivie Courmayeur – Mont Frety – Punta Helbronner sono staet inaugurate il 23 Giugno alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi. Nei primi mesi di esercizio si sono registrati oltre 150 mila passaggi, un bilancio notevole grazie anche alla calda estate che ha spinto molti turisti ad una visita al “Tetto d’Europa”. “In cinque giornate si è registrato il tutto esaurito, con la chiusura anticipata delle casse per il raggiungimento del tetto massimo di 3.000 persone, è una partenza senza dubbio positiva, ha spiegato all’Ansa l’ad di Skyway Roberto Francesconi.

PR2_0918 OK

spaziatore_50x50

Nuova 100-FUF “Alba – Col dei Rossi (Doleda)”, Canazei (TN)

La principale grossa novità del comprensorio Dolomiti Superski per il 2015 è la nuovissima Funifor 100-FUF “Alba – Col dei Rossi”, importante funivia che consente di collegare in pochi minuti la frazione di Alba di Canazei con il circuito del Sellaronda. Il nuovo collegamento, atteso da anni, collega il centro Fassa con il Sellaronda e riduce sensibilmente il traffico degli sciatori che da Pozza e paesi limitrofi vogliono raggiungere la Ski Area Belvedere e, appunto, il carosello delle valli di Fassa, Gardena, Badia e Livinallongo. Gli sciatori possono partire dagli impianti del Buffaure arrivando in tutte le zone sciistiche dell’Alta Val di Fassa, esclusivamente tramite piste e impianti. Fino ad ora, anche chi scendeva ad Alba tramite le piste del Ciampac, doveva poi raggiungere gli impianti di Campitello o Canazei con lo skibus, incontrando code che a volte superavano l’ora.  Tutto questo diventerà solo un ricordo. Inoltre, gli sciatori provenienti dalle altre valli dolomitiche potranno visitare le Ski Aree della Val di Fassa, creando di fatto un vero e proprio Fassaronda tra le seguenti Ski Aree tra loro collegate: Campitello Col Rodella – Canazei Belvedere – Alba Ciampac – Pozza Buffaure.

04112015-_FBB9430

Il tracciato ha richiesto la costruzione di due sostegni di linea, ubicati il primo a ca. 700 m dalla stazione di valle, il secondo a ca. 605 m dalla stazione di monte, alti rispettivamente 27 m e 48 m. Il montaggio dei due sostegni è stato completato con autogru, mentre un elicottero ha consentito di posare la prima fune pilota, tramite la quale è stato possibile tirare funi sempre più grosse, fino al montaggio delle portanti. Per aumentare ulteriormente la stabilità di marcia, sono stati progettati nuovi carrelli a 16 rulli e 6 freni, collegati alla cabina con sospensioni a stella mai viste fino ad ora in una funivia; anche il design delle cabine è inedito, fondendo semplicità ed eleganza. Sull‘impianto viaggiano cabine da 100+1 persone, consentendo una portata oraria di 1.120 persone/ora ad una velocità massima 12 m/s.

IMG_2347

Imponente l’architettura della stazione a valle, completamente chiusa da vetrate e ricoperta da una copertura erbosa per ridurre al minimo l’impatto ambientale. La stazione di valle ospita anche uffici per la società, un locale per gli addetti al soccorso, servizi igienici ed un ulteriore locale di grandi dimensioni ad uso della società. Nel piano sopra la sala di attesa sono sistemati la sala macchine, gli armadi elettrici e la cabina di comando, posta in posizione centrale. La stazione di monte è stata realizzata principalmente a sbalzo nei pressi della stazione di monte della funivia Pecol – col dei Rossi, a quota 2377 m s.l.m.. Gli elementi tecnici di rinvio delle funi sono del tipo aperto per limitare l’impatto ambientale, ma tutta l’area dedicata ai passeggeri è completamente chiusa e vetrata, protetta da porte di banchina sincronizzate con le porte delle vetture.

spaziatore_50x50

Nuova 40-FUL Funicolare Rocca di Papa (RM)

Sono terminati i lavori per la realizzazione della funicolare di Rocca di Papa, che hanno previsto il rifacimento della funicolare terrestre 40-FUL “Valle Vergine – Rocca di Papa” sita nel comune di Rocca di Papa (RM). Della funicolare, chiusa al servizio pubblico da molti anni, nel 1963, rimanevano ancora integri gli edifici delle stazioni di valle e monte, nonché parzialmente la sede dei binari ed i manufatti di linea, anche se in cattivo stato ed ormai invasi dalla vegetazione.

rocca_monte

Il nuovo impianto è stato ricostruito sullo stesso tracciato, con importanti  interventi di ristrutturazione e necessarie modifiche alle stazioni ed alla via di corsa. Si tratta di una classica funicolare terrestre con due vetture per 40+1 persone, con movimento a va e vieni. La via di corsa è a binario unico con scambio classico tipo ABT nella zona centrale per l’incrocio delle vetture. Le nuove cabine, ancora nascoste dalle pellicole protettive, sono pronte a partire, ma l‘impianto non è ancora stato aperto al pubblico per alcuni ritardi burocratici, se ne prevede l’apertura non appena verranno risolti.

spaziatore_50x50

Nuovo 8-INE Cheneil, Valtournenche (AO)

Dopo quindici anni di proposte, discussioni e ipotesi, il villaggio di Cheneil (Valtournenche) a duemila metri d’altitudine, con un panorama dominato dalla vetta del Cervino, sarà raggiungibile grazie ad un nuovo impianto a fune. L’ascensore inclinato che Doppelmayr sta installando partirà dal piazzale Barmaz, località fino a dove possono arrivare le automobili. I lavori si concluderanno per la stagione invernale.

IMG_3991

spaziatore_50x50

Rinnovo 55-ATW “Passo Pordoi – Sass Pordoi”, Canazei (TN)

La funivia Passo Pordoi – Sass Pordoi, una delle più famose delle Dolomiti per lo straordinario panorama che regala ai turisti, è stata oggetto di una importante revisione ventennale che ha previsto anche la sostituzione delle cabine. Le nuove  vetture completamente vetrate, riprendono il design futuristico di quelle montate sul nuovo Funifor Doleda. Anche l’argano motore è stato sostituito con una moderna soluzione a corrente alternata, consentendo di aumentare la velocità di corsa che passa dai 10 ai 12 metri al secondo.

pordoi (1)

spaziatore_50x50

Impianti speciali – Estero

Due impianti 3S in Vietnam

Continua l’importante ruolo di Lana nella collaborazione con le altre sedi internazionali del gruppo, che ha portato alla progettazione e realizzazione di soluzioni o elementi tecnici per impianti speciali di grande prestigio e spettacolarità. Proprio un anno fa era stata annunciata la realizzazione della cabinovia 3S più lunga del mondo sul monte Fansipan, in Vietnam; la produzione è ormai terminata e i montaggi sono in una fase avanzata.  Il futuro impianto, attivo tutto l’anno e vicino al confine cinese, viene realizzato in condizioni difficili: solo la stazione a valle è raggiungibile in camion, la stazione a monte dista due o tre giorni di marcia, quindi anche il trasporto degli attrezzi non è agevole. I lavori di scavo per piloni e stazioni sono stati effettuati manualmente, con pala e piccone.

Seilschuh_Panorama 2

A distanza di un anno una nuova e ancora più spettacolare commessa ha spodestato Fansipan dal record di lunghezza: sempre in Vietnam verrà realizzato un  secondo impianto 3S, lungo ben 7.900 metri, per collegare l’isola di Hon Thom al continente. Fino ad ora non è mai stata realizzata una funivia su tronco unico cosi lunga e sopra il mare; i numeri sono da record, con sostegni alti fino a 160 metri. Il progetto è ancora in fase iniziale, ma lo stabilimento di Lana, centro specializzato per gli impianti speciali, investirà un ruolo di primo piano in quest’ultima commessa.

spaziatore_50x50

Impianti a moto continuo – Italia

Nuova 15-MGD Belvedere, Brunico (BZ)

La nuova cabinovia a 15 posti sostituisce un impianto molto simile realizzato nel 1993  che avrebbe richiesto una costosa revisione generale. Sono state mantenute le caratteristiche principali, con cabine sempre a 15 posti e sci all’interno, riutilizzo dei vecchi sostegni con sostituzione della testata e rulliere, riutilizzo delle strutture murarie. Rimane invariata anche la potenzialità di trasporto, che raggiunge le 3.300 persone/ora.

IMG_6540 (Medium)

Si tratta della prima cabinovia monofune a 15 posti realizzata in Italia da Doppelmayr con cabine CWA conus: ogni cabina può accogliere fino a 9 persone sedute e 6 in piedi. Per di più, la cabinovia Belvedere è ormai il terzo impianto al Plan de Corones dotato di connessione wi-fi gratuita in tutte le sue cabine.

spaziatore_50x50

Nuova 8-MGD Molino – Le Buse, Falcade (BL)

Questo impianto ha la prevalente funzione di arroccamento; sulla linea venne realizzata, nel 1966, una cestovia biposto con un tempo di viaggio di 19 minuti ed una portata di sole 300 persone/ora. Nel 1986 venne sostituita da una delle prime seggiovie ad ammorsamento automatico realizzate in Italia, costruita dalla Hölzl – Agamatic  che ridusse di un terzo il tempo di risalita, aumentando la portata a 1800 persone/ora. Dopo quasi 30 anni si è arrivati alla terza generazione di impianto, una moderna cabinovia a 8 posti. Nel tempo la clientela che accede a questo impianto di arroccamento si è notevolmente diversificata, non sono più in maggioranza gli sciatori e sportivi che accedono alla seggiovia, ma numerosi pedoni con bambini, spesso con passeggini e accessori vari, visto che i campi scuola si trovano a monte e che sono sempre più apprezzati e frequentati. Da qui la necessità di offrire loro un più comodo sistema di trasporto, sicuro nelle operazioni d’imbarco e sbarco.

IMG_1586 - Copia

La nuova realizzazione ricalca la linea precedente, con lo spostamento della stazione di monte verso valle di alcuni metri, il fabbricato della vecchia seggiovia esistente è stato mantenuto, utilizzando il suo piano superiore per la zona di uscita e ingresso dei viaggiatori; a valle la nuova stazione sorge sul sedime della vecchia, senza sostanziali modifiche; anche il magazzino vetture rimane a valle. La tecnica funiviaria è la consueta soluzione standardizzata UNIG, con intervia di 6,1 metri, stazione motrice a monte con argano interrato e stazione di tensionamento e rinvio a valle. Entrambe le stazioni hanno copertura alta e piano imbarco scoperto. Le cabine sono le collaudate CWA Omega 4, con trasporto sci all’interno.

12188134_1489018541404395_3135458003734381622_o

spaziatore_50x50

 Dati Tecnici

dati-impianti-2015

    Articolo redatto da Doppelmayr

Il Gruppo Doppelmayr/Garaventa definisce continuamente nuovi standard di riferimento con innovativi sistemi di trasporto a fune. Il massimo comfort e sicurezza sono le caratteristiche che contraddistinguono i suoi impianti a fune, sia per le stazioni turistiche estive ed invernali che per il trasporto urbano. L'efficienza e le prestazioni dei sistemi di trasporto materiali sono altrettanto impressionanti. Doppelmayr/Garaventa, leader mondiale della qualità, della tecnologia e del mercato funiviario, gestisce impianti di produzione e centri di vendita e assistenza in oltre 40 paesi del mondo. Ad oggi, il Gruppo ha costruito più di 15.000 impianti per clienti in oltre 95 paesi del mondo.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy