Il nuovo progetto Grands Montets a Chamonix

Scriviamo insieme un nuovo capitolo di uno dei comprensori sciistici più famosi al mondo

 

Dopo un anno di studi, messe a punto e lavori preparatori, il Salone Mountain Planet 2024 di Grenoble è l’occasione per la Compagnie du Mont-Blanc e Doppelmayr France di riunire gli attori del progetto di ricostruzione dei Grands Montets e di dare ufficialmente il via alla fase di costruzione delle varie infrastrutture.

Doppelmayr France si è aggiudicata l’appalto per la progettazione e la costruzione degli impianti che sostituiranno le due sezioni di funivia distrutte dall’incendio del 2018, nonché per la ricostruzione e la riqualificazione delle infrastrutture della stazione a monte dell’Aiguille des Grands Montets. L’appalto, suddiviso in sette lotti per un valore complessivo di 107,6 milioni di euro, è stato assegnato al consorzio formato da Doppelmayr France nell’ambito di un progetto complessivo di 155 milioni di euro.

 

Un capolavoro in vetta

La ricostruzione degli impianti di risalita e delle infrastrutture distrutte nell’incendio del settembre 2018 ha portato a una riprogettazione completa e ponderata delle strutture di questo sito leggendario. Per essere in armonia con il sito protetto del Monte Bianco, la Compagnie du Mont-Blanc si è rivolta al talentuoso studio di architettura RPBW, fondato da Renzo Piano.

Il fascino del sito protetto dell’Aiguille des Grands Montets, delle tecnologie e dell’arte ingegneristica ha portato alla progettazione di un complesso composto da quattro stazioni su due sezioni. La fune che collega le linee in due sezioni non è solo fisica, ma anche metaforica. Serve come filo conduttore del progetto e concretizza l’ambizione di coerenza tra tutti gli edifici. Le stazioni sono costituite da volumi di vetro che ospitano i macchinari degli impianti di risalita, ispirati alla natura, ai cristalli e in particolare alla pirite. Le loro strutture sono costituite da elementi modulari in acciaio altamente tecnici. In posizione periferica rispetto alle stazioni si trovano tutte le funzioni legate al funzionamento, ospitate in sezioni opache chiamate “topos”, ciascuna adattata nell’aspetto per integrarsi perfettamente con lo spirito del luogo. Per l’Aiguille des Grands Montets, l’anima del sito classificato, un cubo di 20 metri è integrato nel pendio, riprendendo la geometria perfetta della pirite. Questo cristallo segna la fine del viaggio meccanico e l’inizio sublime dei percorsi che conducono con umiltà alla vetta dell’Aiguille des Grands Montets, luogo privilegiato per la valle di Chamonix e per tutte le cime che la sovrastano. Attraverso la sua architettura, questo progetto mira a riqualificare il sito industriale in un sito sostenibile e a cambiare la percezione degli impianti di risalita, trasformando il trasporto passeggeri in un viaggio.

 

Un sito responsabile

Nel cuore del sito protetto del Monte Bianco, il cantiere di ricostruzione dei Grands Montets deve essere virtuoso. Oltre ai lotti di costruzione, il consorzio Doppelmayr France fornirà una serie di mezzi logistici volti a limitare l’uso di elicotteri e trasporti terrestri. Non meno di 2 teleferiche per materiali, ciascuna con una capacità di 10 tonnellate, trasporteranno tutti i materiali e le attrezzature da Argentière ai vari cantieri. Per quanto riguarda il personale, l’accesso all’Aiguille des Grands Montets sarà garantito da una funivia di servizio appositamente concepita per il progetto (dalla cima della seggiovia Herse alla vetta a 3.300 m). Queste strutture saranno smantellate non appena gli impianti definitivi saranno messi in servizio.

 

Un progetto di esperti

Doppelmayr France ha reclutato e riunito in un consorzio aziende specializzate per portare a termine con successo questo straordinario progetto in condizioni difficili. Aziende come MBTM, Spie Batignolles Génie Civil, Cogeis, Pichler, Pugnat TP, Altitude Construction, Mécamont, Boma Construction ed Egis contribuiranno con la loro esperienza tecnica e la loro conoscenza del sito a supportare Doppelmayr France. MBTM, specializzata in operazioni di ingegneria civile e nell’installazione di impianti di risalita, è un partner storico di Doppelmayr France. Spie Batignolles Génie-Civil, insieme a Cogeis e Pichler, è responsabile, tra l’altro, della costruzione delle infrastrutture in vetta e del Cristallo. Pugnat TP e Altitude Construction, specialisti in lavori di sbancamento e fondazioni speciali in siti vincolati, sono coinvolti in tutte le strutture. Mécamont ha progettato e costruito le funivie per materiali e sarà responsabile del loro funzionamento. Boma Construction, con un impianto di calcestruzzo installato a Lognan, fornirà tutto il calcestruzzo necessario per la costruzione, compreso quello a basso contenuto di carbonio. Egis, una società di ingegneria, apporta al consorzio la sua esperienza nel monitoraggio delle interfacce. Infine, Doppelmayr France, in qualità di capofila e coordinatore del consorzio, contribuisce con la sua esperienza nella progettazione e produzione di impianti di risalita per sostituire le due sezioni di funivie.

 

Nuovi impianti di risalita con il requisito del comfort assoluto

La ricostruzione delle due sezioni di impianti di risalita è un’opportunità per la Compagnie du Mont-Blanc di modernizzare l’accesso all’Aiguille des Grands Montets e offrire ai futuri passeggeri un viaggio confortevole e contemplativo. Così, il primo tratto da Argentière a Lognan sarà dotato di una modernissima cabinovia monofune con cabine da 10 posti. Per allinearsi al progetto RPBW, le stazioni saranno impreziosite da pareti di cristallo. Il secondo tratto del percorso da Lognan all’Aiguille des Grands Montets sarà caratterizzato da una cabinovia 3S ad ammorsamento automatico. Questa tecnologia è stata appositamente progettata per superare le sfide topografiche e le condizioni climatiche estreme dell’alta montagna. Le cabine offriranno a sciatori e turisti 24 posti a sedere di fronte al maestoso panorama del sito dei Grands Montets.


    Questo articolo è stato redatto da Doppelmayr

Il Gruppo Doppelmayr rappresenta la qualità, la tecnologia e la leadership di mercato nella costruzione di impianti a fune per il trasporto di persone e materiali e di soluzioni intralogistiche ad alta tecnologia. L'azienda vanta 130 anni di storia e un secolo di esperienza nella progettazione, sviluppo, design, produzione e costruzione di impianti a fune. Questa tecnologia collaudata e la sua affidabilità hanno reso gli impianti a fune una soluzione di mobilità popolare e performante nelle regioni sciistiche, ricreative e nelle città di tutto il mondo.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 15/06/2024, 19:46 Sito Forum