Battipista a idrogeno, impianti ecosostenibili e intelligenza artificiale sulle piste, HTI protagonista alla Interalpin di innsbruck

Nell’ambito della più importante fiera mondiale del settore il gruppo di Vipiteno ha illustrato le principali novità tecnologiche all’interno dell’Innovation Corner

 

Dal prototipo di battipista a idrogeno, a quelli alimentati dagli olii vegetali. Dall’utilizzo delle energie rinnovabili nei comprensori sciistici ai generatori di neve a scomparsa. Il mondo delle tecnologie invernali si è riunito nei giorni scorsi a Innsbruck dove è andata in scena (dal 19 al 21 aprile) la fiera mondiale Interalpin. Tra i protagonisti assoluti dell’evento il gruppo altoatesino HTI.

«Ancora una volta Interalpin si è confermato il più importante evento mondiale dedicato alla tecnologia di montagna – ha commentato Anton Seeber, presidente di HTI. In questo contesto, all’interno del nostro spazio espositivo, abbiamo voluto creare per la prima volta un Innovation Corner, un luogo in cui, oltre a presentare le principali innovazioni tecnologiche del Gruppo, abbiamo dialogato assieme a esperti e operatori sul futuro del settore».

Il sistema turistico montano si muove lungo un percorso costellato sempre più da linee guida connotate da efficienza energetica, sostenibilità e digitalizzazione. In questo contesto, che ha visto oltre 35 mila visitatori da tutto il mondo ritrovarsi per tre giorni nel centro austriaco, l’Innovation Corner promosso dal gruppo HTI ha rappresentato indubbiamente uno dei clou dell’evento fieristico.

Una carrellata di talk che hanno dato vita ad un viaggio alla scoperta delle innovazioni firmate HTI, il gruppo industriale che riunisce Leitner, Poma, Bartholet sul versante funiviario, i battipista Prinoth, i sistemi di innevamento programmato Demaclenko e la gestione digitalizzata dei comprensori sciistici con la piattaforma Skadii. Dai sistemi di azionamento funiviari (Directdrive) sempre più efficienti dal punto di vista energetico, alla digitalizzazione applicata ai battipista che favorisce una migliore preparazione delle piste anche con minor dispendio di risorse, dall’utilizzo delle energie rinnovabili (eolico e idroelettrico) nei comprensori sciistici, alle esperienze fatte in Svezia con i battipista alimentati dagli oli vegetali, senza dimenticare il progetto delle stazioni funiviarie che in futuro funzioneranno anche senza personale. Si è parlato anche di intelligenza artificiale e della sua applicazione nelle stazioni sciistiche.


    Questo articolo è stato redatto da LEITNER

LEITNER è parte del gruppo imprenditoriale High Technology Industries (HTI), protagonista a livello mondiale nel settore degli impianti a fune (Leitner, Poma, Bartholet e Agudio), dei battipista, veicoli cingolati e gestione della vegetazione (Prinoth e Jarraff), dell’innevamento programmato e sistemi di abbattimento polveri (Demaclenko e Wlp), dell’energia eolica (Leitwind), dell’idroelettrico (Troyer) e della gestione digitalizzata dei comprensori sciistici (Skadii). Presente con i propri prodotti in 89 Paesi sparsi nel mondo, il gruppo HTI conta 21 siti produttivi, 108 filiali e 138 centri di assistenza.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 18/05/2024, 17:48 Sito Forum