Le Dolomiti di Sesto si affidano all’high tech del gruppo LEITNER

I comprensori sciistici di Versciaco, del Monte Elmo e della Croda Rossa nelle Dolomiti di Sesto saranno finalmente collegate tra loro.

Presto due nuove cabinovie di LEITNER ropeways trasporteranno gli ospiti tra il Monte Elmo e la Croda Rossa. L’idea circola già da qualche decennio ma oggi, dopo molti preparativi, i lavori sono entrati in pieno svolgimento. Per l’opera di sostanziale rinnovamento e ampliamento dell’offerta turistica invernale, Dolomiti di Sesto Spa ha deciso di affidarsi totalmente alla qualità del gruppo LEITNER. L’innevamento artificiale è infatti realizzato da impianti DEMACLENKO, mentre per la preparazione delle piste sono impiegati sette battipista PRINOTH. Si è voluto puntare su partner affidabili e con il gruppo LEITNER c’erano già state esperienze molto positive, afferma l’ing. Mark Winkler, amministratore delegato di Dolomiti di Sesto Spa.

LEITNER ropeways_GD8 Drei Zinnen 2-1

Finora c’erano solo poche centinaia di metri che separavano le aree sciistiche del Monte Elmo e della Croda Rossa, nell’Alta Val Pusteria altoatesina, due località invernali di prim’ordine con una spiccata vocazione sportiva, ma perfette anche per le famiglie. Se però si voleva cambiare zona, bisognava prima scendere a valle e poi andare in autobus fino all’altra stazione a valle. Il collegamento tra le due località era dunque un intervento logico e dovuto fin da troppo tempo per l’Alta Val Pusteria, che vedrà così notevolmente aumentata la propria attrattiva già dal prossimo inverno. A Versciaco ci sarà inoltre un collegamento diretto con il treno della Val Pusteria.

Prinoth_Sextner Dolomiten_New LEITWOLF

Un unico fornitore per tutta la tecnologia invernale

Il nuovo collegamento sciistico Monte Elmo-Croda Rossa è un modello di tecnologia innovativa. “Negli ultimi anni il gruppo LEITNER è diventato un fornitore unico per tutte le attrezzature che possono servire in un’area sciistica”, sottolinea Mark Winkler, amministratore delegato di Dolomiti di Sesto Spa. Le esperienze avute con le cabinovie, i battipista e i sistemi di innevamento di questa azienda di lunga tradizione sono state tutte estremamente positive.  “Volevamo crescere insieme sfruttando la nostra sinergia”, continua Winkler e in ultima analisi LEITNER si è dimostrato essere l’esempio più pregnante di un partner affidabile.

DemacLenko_Pumpstation_innenII-1

La collaborazione tecnica ruota intorno a due nuove cabinovie di LEITNER ropeways: la cabinovia 8 posti “Orto del Toro”, la cui stazione a valle si trova sulla pista Sesto-Monte Elmo, trasporta i passeggeri fino a quota 2096 m passando per una stazione intermedia a 1672 m. La portata dell’impianto, che ha una lunghezza inclinata di 1791 m, è di 1800 persone l’ora. La cabinovia “Tre Cime”, anch’essa da 8 posti, ha la partenza vicino alla stazione a valle della preesistente cabinovia Signaue, direttamente sulla strada per il Passo di Monte Croce. Con una lunghezza di 2033 m supera un dislivello di 654 m. Anche questo impianto ha una portata di 1800 persone l’ora.

Innevamento totale in 60 ore con la tecnologia DEMACLENKO

Anche in altri ambiti tecnici Dolomiti di Sesto Spa si affida al know-how del gruppo LEITNER. Già dal 2010 l’innevamento artificiale è garantito da un modernissimo sistema di innevamento DEMACLENKO. Se prima servivano due settimane per innevare artificialmente tutto il comprensorio, oggi l’intera superficie si trasforma in un candido paradiso invernale in sole 60 ore. Nel comprensorio sono in funzione complessivamente circa 100 generatori neve DEMACKLENKO, collegati a 41 punti di alimentazione. L’area è dotata anche di un innovativo sistema di raccolta dell’acqua funzionale all’impianto di innevamento, a riprova dell’elevato standard tecnico delle due aree sciistiche collegate tra loro. Inoltre, con l’aggiunta di ulteriori pompe ad alta pressione, è stata recentemente potenziata anche l’efficienza della stazione di pompaggio.

DSC_1251 2

Il battipista più potente del mondo sulla nuova discesa “Orto del Toro”

I battipista PRINOTH garantiscono una distribuzione ottimale della neve, sia essa naturale o artificiale, per una perfetta preparazione delle piste. Il parco macchine delle Dolomiti di Sesto comprende cinque Leitwolf e un Beast, che con i suoi 527 cavalli è il battipista più potente ed efficiente del mondo. Sulla pista “Orto del Toro” entrerà presto in funzione un altro Beast che, grazie alla straordinaria ampiezza dell’area di lavoro, all’insuperata velocità di preparazione, all’estrema forza di spinta con la lama Master e all’eccezionale arrampicabilità, permetterà di realizzare condizioni ideali per sciare. (4.507 caratteri)

GD8 Orto del Toro:

  • Tipo di impianto: GD8
  • Lunghezza: 1.791 m
  • Dislivello: 424 m
  • Velocità: 6 m/sec
  • Portata:  1800 p/h
  • Cabine: 50
  • Sostegni: 14

GD8 Tre Cime:

  • Tipo di impianto: GD8
  • Lunghezza: 2.033 m
  • Dislivello: 654 m
  • Velocità: 6 m/sec
  • Portata: 1800 p/h
  • Cabine:  60
  • Sostegni: 13

    Articolo redatto da Leitner Ropeways

Il Gruppo Leitner è protagonista a livello mondiale nel settore degli impianti a fune (Leitner ropeways e Poma), dei battipista e veicoli cingolati (Prinoth), dell’innevamento programmato (Demaclenko) e dell’energia eolica (Leitwind). Nel 2019, per la prima volta in 130 anni, ha superato il miliardo di fatturato.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy