In visita all’archivio della ditta Ceriani Impianti a fune di Rovereto con l’Ing. Giorgio Ceriani

Ci siamo recati in visita dell’archivio “Ceriani Impianti a Fune” in compagnia dell’ing. Giorgio Ceriani e del dott. Filosi della biblioteca di Rovereto. Abbiamo avuto modo di apprezzare il certosino lavoro di catalogazione del materiale d’archivio, svolto dapprima dall’ingegnere durante l’attività e poi completato dagli archivisti della biblioteca civica “G.Tartarotti”.

 

Tra i reperti spiccano elementi costruttivi degli impianti che furono: partendo dai rulli appartenuti alle seggiovie di Salò e della Polsa, passando per i morsetti di tipo seggioviario e scioviario fino ad arrivare al materiale per sciovie tipizzate, come il rullo in alluminio ed il traino ad azione progressiva. Tra la documentazione fanno capolino i depliants pubblicitari e le numerose foto della costruzione ed esercizio degli impianti della ditta, nonché manuali e tavole di progetto di tutta la componentistica. Accompagnano anche le numerose lettere di corrispondenza, i documenti contabili ed amministrativi dell’attività.

L’elemento di maggiore interesse è senz’altro la “valigetta” nera, quella della copertina del libro “Appesi ad un filo”, che rappresenta un vero e proprio scrigno di ricordi e storia dei primissimi impianti funiviari realizzati in Italia. In essa infatti sono contenuti disegni, corrispondenza e documentazione dei primi impianti montati dall’impresa di Marino Ceriani a partire dal 1947-48 per conto delle ditte “Carlevaro & Savio”, “F.lli Marchisio” e “Teletrasporti Genova”.

Tutto ciò costituisce l’ordinato racconto storico e cronologico dell’attività di una piccola azienda del settore funiviario italiano, che fin dagli anni ’40 è stata tra le ditte pioniere di questo tipo di costruzioni. Di seguito un breve filmato che raccoglie alcuni aneddoti e racconti rilasciati dall’ingegnere ed ex titolare dell’impresa Giorgio Ceriani durante la visita.

Per visite, estrazione di copie e maggiori informazioni è possibile contattare direttamente gli archivi della Biblioteca civica G. Tartarotti del Comune di Rovereto.

    Questo articolo è stato redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 2000 visitatori unici al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.







Ti piacciono i contenuti di Funivie.org?

Tutto il nostro lavoro viene svolto senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Se vuoi collaborare inviando articoli o puoi farlo come ditta o come privato.

Potrebbero interessarti anche…
Segnala un problema su questa pagina




    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy