Presentati a Rovereto i libri di Giorgio Ceriani sulla storia dell’azienda funiviaria trentina

Si è tenuta venerdì 17 dicembre 2021, presso la biblioteca civica “G.Tartarotti” di Rovereto, la presentazione dei volumi scritti dall’ingegnere Giorgio Ceriani dedicati alla storia dell’attività imprenditoriale della omonima ditta.

 

Tra questi volumi ricordiamo quello intitolato “Appesi ad un filo, (ordinabile in questo sito a questo link)”, che ripercorre l’attività di costruzione di impianti a fune fondata dal geom. Marino, padre dell’autore, nel 1947. Marino Ceriani si può definire come autentico pioniere nel mondo dei trasporti funiviari, fu infatti egli in sodalizio con l’ing. Tanesini di Bolzano a concretizzare gli impianti progettati dalla Carlevaro & Savio, la Teletrasporti e la F.lli Marchisio.

Il figlio Giorgio, ereditiero della ditta, portò avanti con interesse le sue realizzazioni espandendole nel campo scioviario, riuscendo a ricavare una porzione di mercato non aggredita dalla concorrenza dell’epoca. L’epopea dell’azienda si chiuderà a metà degli anni ’90 esclusivamente per decisione professionale dell’autore, a differenza di altre realtà che a quel tempo soffrivano ben altri problemi dovuti alla “crisi dei costruttori”.

L’autore, contestualmente alla presentazione dei testi, insieme agli archivisti della biblioteca ha illustrato anche l’immenso archivio, gelosamente conservato, che sarà fruibile a breve a tutti.  Questo si suddivide in 4 sezioni:

  1. Sezione tecnico-amministrativa, dove sono raccolti tutti i carteggi di carattere prettamente organizzativo e amministrativo dell’impresa;
  2. Sezione tecnico-progettuale, dove sono presenti tutti gli elaborati grafici e di calcolo delle opere progettate e realizzate nel corso dell’attività;
  3. Sezione fotografica, che include un vastissimo repertorio di immagini inerenti ai singoli progetti, cantieri e sopralluoghi;
  4. Biblioteca specialistica e collezione di oggetti, che raccoglie testi e pubblicità impiegate in azienda, nonché strumenti e componentistica degli impianti a fune, prototipi.

L’ingegnere ha quindi rimarcato il ruolo del suo testo come “guida” alla consultazione dell’archivio, che custodisce al suo interno curiosità e peculiarità che saranno di sicuro interesse per gli appassionati fruitori.

    Articolo redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 2000 visitatori unici al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.


Potrebbero interessarti anche…







Ti piacciono i contenuti di questo sito?

Tutto il nostro lavoro viene svolto senza alcuna retribuzione, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno.

Se vuoi, puoi offrirci un aiuto economico tramite PayPal scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI
Segnala un problema su questa pagina




    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy