Bressanone – Plose, si apre una nuova era con la nuova cabinovia LEITNER

Il comprensorio sciistico ed escursionistico Bressanone-Plose è indubbiamente una meta prediletta per gli appassionati di sport e per le persone in cerca di svago sia in inverno che in estate. Con l’apertura della nuova cabinovia a 10 posti LEITNER l’8 luglio scorso, inizia una nuova era con un sistema di trasporto innovativo e ecologico .

 

Nell’ambito dei lavori di realizzazione del nuovo impianto da 26 millioni di euro, che sorge lungo il tracciato del vecchio impianto, si è prestata particolare attenzione a un’accurata pianificazione generale, al tema della sostenibilità e alla massima tutela delle zone protette esistenti. E infine non manca una vera e propria “prima mondiale”, con la soluzione adottata per il trasporto dei carts e delle biciclette.

 

 

Fino al termine della stagione invernale, il collegamento con la montagna che sovrasta Bressanone, con i suoi 42,5 chilometri di piste e sette impianti di risalita, era garantito da una cabinovia a 6 posti risalente al 1986. Già a fine estate del 2022 erano iniziati i lavori della nuova GD10 “Plosebahn” di LEITNER, un impianto che si sviluppa in due sezioni raggiungendo la stazione a monte posta a quota 2.505 metri sul livello del mare. La cabinovia in due sezioni porta notevoli vantaggi sia nell’utilizzo delle infrastrutture ricreative esistenti che degli edifici della stazione.

 

 

“Avremo la possibilità di utilizzare in modo ottimale la parte superiore della pista Trametsch anche nel caso in cui la pista più a valle non risultasse utilizzabile per carenza di neve. E in una simile condizione il nuovo impianto assicurerà anche la possibilità di utilizzare i quattro chilometri e mezzo più a monte della pista da slittino “Rudirun“, lunga complessivamente nove chilometri”, rivela Alessandro Marzola, amministratore delegato di Plose Ski SpA. Grazie a un’accurata pianificazione generale è stato possibile inoltre ricavare nuovi spazi: il garage sotterraneo riservato alle 78 cabine realizzato nella nuova stazione intermedia, crea di fatto superfici aggiuntive da destinare ad altri servizi nelle stazioni a valle e a monte.

 

 

Massimo comfort di trasporto e una “prima” mondiale

Le due sezioni della nuova GD10 “Plose” sono equipaggiate entrambe con un LEITNER DirectDrive LD9. I tre edifici, che ospitano le stazioni, grazie anche al loro posizionamento, ampliano ulteriormente l’offerta della destinazione turistica brissinese. La vecchia stazione di monte ad esempio ospita un centro servizi con noleggio e vendita di attrezzature sportive, spazi da destinare ad infopoint, pronto soccorso e locali di servizio per il personale. Particolare attenzione è stata riservata nel corso dei lavori di costruzione alle zone idriche protette che si trovano sulla montagna, prevedendo inoltre anche un inserimento armonioso nel contesto paesaggistico delle nuove opere e una rinaturalizzazione delle aree non più necessarie.

La nuova cabinovia “Plosebahn” convince anche sul fronte della tecnologia “firmata” LEITNER. I visitatori viaggiano in 78 cabine Diamond EVO da 10 posti, in grado di trasportare fino a 2.400 persone all’ora lungo i 2,6 chilometri del percorso. Con il nuovo impianto la società impiantistica “Plose Ski SpA” ha voluto prevedere inoltre la possibilità di trasporto di biciclette e “mountaincarts”.

 

 

E così a differenza del passato, bici e carts non viaggiano più all’interno delle cabine, ma sono agganciate all’esterno. Una soluzione tecnica che costituisce una prima mondiale è sicuramente quella individuata per l’agganciamento e sganciamento automatico dei cards dalle cabine nelle stazioni di valle e di monte. Operazioni di carico e scarico che avvengono prevalentemente sottoterra, non condizionando pertanto in alcun modo le operazioni di imbarco dei passeggeri in cabina.

Ma anche per le biciclette è stata individuata una nuova soluzione: il nuovo portabici LEITNER viene infatti applicato sul lato destro e sinistro di ogni seconda cabina. Portabici che una volta ultimato l’esercizio si possono ripiegare non influendo sulla distanza tra i veicoli durante le operazioni di rimessaggio.


    Questo articolo è stato redatto da LEITNER

LEITNER è parte del gruppo imprenditoriale High Technology Industries (HTI), protagonista a livello mondiale nel settore degli impianti a fune (Leitner, Poma, Bartholet e Agudio), dei battipista, veicoli cingolati e gestione della vegetazione (Prinoth e Jarraff), dell’innevamento programmato e sistemi di abbattimento polveri (Demaclenko e Wlp), dell’energia eolica (Leitwind), dell’idroelettrico (Troyer) e della gestione digitalizzata dei comprensori sciistici (Skadii). Presente con i propri prodotti in 89 Paesi sparsi nel mondo, il gruppo HTI conta 21 siti produttivi, 108 filiali e 138 centri di assistenza.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 18/05/2024, 23:33 Sito Forum