Home Notizie Forum Cantieri Impianti Macchine Neve Divertimento Turismo Gallery Mappe Annunci Shop Contatti

Teleferiche e funi metalliche della società anonima Luigi Spadaccini di Milano

Rarissimo documento della ditta lombarda Spadaccini, specializzata in teleferiche e nella costruzione di funi d’acciaio.

 

La ditta Spadaccini è stata fondata nel 1880 a Milano. I primi impieghi erano dedicati alla costruzione di funi metalliche. Nel 1884 venne aperto lo stabilimento in viale Monza, il quale dotato di macchine moderne e di un’officina meccanica, permise di sviluppare l’azienda e costruire i vari tipi di funi in ferro acciaio e rame.

Ma il ramo più importante che il cavalier Spadaccini per primo in Italia introdusse nell’industria, fu quello delle teleferiche. Vennero costruiti moltissimi impianti con funi e meccanismi Spadaccini, impianti che bastarono per far conoscere e apprezzare in Italia i vantaggi di questo nuovo sistema di trasporti meccanici. Lo stabilimento di viale Monza nel 1904 venne affiancato da un nuovo stabilimento a sesto San Giovanni, in totale gli stabilimenti occupavano un’area di oltre 60.000 m quadri.

Durante la guerra questa industria realizzò moltissimi teleferiche ad uso militare funi per le navi da guerra, per le mine, per l’aviazione. Nel 1919 la ditta Spadaccini è stata trasformata in società anonima, l’attuale S.p.A. Gli stabilimenti si trovavano a Sesto San Giovanni (3) a Ponte dell’olio, a Lecco, e canonica d’Adda.

Realizzavano teleferiche a va e vieni o ad ammorsamento automatico a movimento continuo, sia monofuni che bifuni. Realizzavano anche piani inclinati con vagoncini ad ammorsamento automatico trainati da fune, un sistema simile a quello del minimetro ma per trasporto materiali.

Nel 1922 la società anonima “Trafilerie e Corderie Italiane” acquisisce gli impianti e la rete commerciale della “Trafilerie e Corderie Luigi Spadaccini & C.”, finendo poi prima in Redaelli e poi nell’attuale Teufelberger.

Questo rarissimo documento riproduce tutta la produzione aziendale, ed è stato acquistato grazie alle donazioni degli utenti a Funivie.org

Questo documento è riservato agli utenti sostenitori. La password è reperibile qui Sostieni Funivie.org!


    Questo articolo è stato redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 7500 pagine visitate al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.

Funivie.org non è responsabile dei contenuti pubblicati da autori esterni. Come diventare autore aziendale o privato.






Ti piacciono i contenuti di Funivie.org? Offrici almeno un caffè!

Tutto il nostro lavoro viene svolto in modo VOLONTARIO senza alcuna retribuzione nè pubblicità, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno, oltre alle spese di hosting e di programmazione.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI


Potrebbero interessarti anche…

Segnala un problema su questa pagina



    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Ultimo aggiornamento cache pagina: 17/07/2024, 15:24 Sito Forum