Incidente Funivia “Stresa – Mottarone” – comunicato stampa ANITIF

A.N.I.T.I.F., Associazione Nazionale Tecnici Impianti Funiviari, esprime da parte dei propri associati il più profondo dolore per le vittime e per i feriti della tragedia occorsa alla funivia “Stresa – Mottarone” e si unisce al cordoglio dei famigliari e dell’intera nazione.

 

La nostra Associazione intende ribadire che la sicurezza dei viaggiatori sugli impianti a fune è valore assoluto e obiettivo chiarissimo dell’azione di tutti i professionisti e degli Enti preposti; essa trova applicazione diretta e costante nella severa normativa di settore, nei frequenti e approfonditi controlli a cui gli impianti sono sottoposti e nell’azione concorrente di società di gestione, tecnici funiviari e organo pubblico di sorveglianza.

Costantemente gli impianti sono sottoposti alla necessaria manutenzione, ogni giorno vengono verificati con prove e controlli, ogni mese gli ingegneri preposti effettuano le proprie visite, ogni anno gli impianti sono ricollaudati con le stesse modalità dei collaudi di prima installazione, infine, a scadenze prefissate, gli impianti sono revisionati e ammodernati o rinnovati. E’ proprio grazie a queste azioni e alla solida base tecnologica e normativa che gli impianti a fune sono, in Italia e nel mondo, tra i mezzi di trasporto più sicuri.

Di conseguenza, tragedie come quella occorsa alla funivia di Stresa lasciano tutti sbigottiti.

Ci affidiamo dunque agli approfondimenti e alle verifiche tecniche che verranno svolte e attendiamo l’esito delle indagini, per comprendere nel dettaglio le cause di quanto avvenuto a Stresa.

    Articolo redatto da ANITIF










Ti piacciono i contenuti di Funivie.org?

Tutto il nostro lavoro viene svolto senza alcuna retribuzione, e mantenere un sito non è gratis. Impieghiamo molte ore e risorse ogni giorno.

Se vuoi, puoi offrirci un piccolo aiuto o un semplice caffé tramite PayPal, scansionando questo codice con lo smartphone, oppure cliccandoci sopra, oppure effettuando una donazione come utente registrato cliccando QUI

Potrebbero interessarti anche…
Segnala un problema su questa pagina




    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy