Inaugurata la nuova funivia Saring – Aschbach a Merano

Il grazioso villaggio montano di Rio Lagundo/Aschbach (1360 m) appartiene al comune di Lagundo, ai confini con Merano. Dalla larga Val Venosta sottostante, esso è raggiungibile solo in due modi: attraverso una stretta strada lunga 12 km o dalla frazione di Saring, con la funivia. Un nuovo impianto di trasporto urbano per i pendolari

Poiché la strada forestale è talmente stretta che l’incrocio con un altro automezzo risulta ogni volta un’avventura, i locali prediligono come mezzo di trasporto la funivia. La funivia viene utilizzata dai pendolari per recarsi al lavoro e dagli scolari per recarsi a scuola. L’impianto porta a valle inoltre il latte delle fattorie e pane, posta e medicinali al villaggio. Insieme ad essi arrivano anche gli escursionisti ed i turisti estivi, che alloggiano negli agriturismo. Aschbach è piccolo: il borgo ha 43 abitanti, qualche podere sparso, una locanda, ma nessun albergo.

_T2A0464kl

L’area è apprezzata da escursionisti e appassionati di mountain bike. Tuttavia, la vecchia funivia da 10 posti costruita nel 1971 presentava una pecca decisiva: da molto tempo non era più al passo con i tempi; ciò aveva come conseguenza tempi di attesa molto lunghi, il che provocava la frustrazione di molti passeggeri; ciononostante, ogni anno il traffico passeggeri raggiungeva i 70.000 passaggi.

“Ora i lunghi tempi di attesa sono un ricordo del passato” afferma con convinzione il sindaco Ulrich Gamper. Inoltre i nuovi edifici delle stazioni dispongono di uno spazio maggiore per i passeggeri in attesa. Nella stazione a monte si trova un ampio ambiente multifunzionale, che funge da locale amministrativo per i residenti e da sala di attesa ospitale in cui rifugiarsi in caso di maltempo.

L’impianto a doppia fune portante presenta grande stabilità in caso di vento e grande comfort. In tal modo, si riducono sensibilmente i giorni di vento in cui l’impianto non può funzionare: finora andavano da 25 a 30 ogni anno.

_T2A0668kl

Collegamento ai trasporti pubblici

Durante la ristrutturazione completa, l’impianto è rimasto chiuso dal 20 ottobre 2012 al 20 luglio 2013. La nuova inaugurazione si è configurata come una vivace festa popolare per l’intera comunità: gli scolari, la banda musicale e l’intera popolazione hanno approfittato della possibilità di una corsa inaugurale gratuita. “Prevediamo di collegare completamente l’impianto alla rete di trasporti urbani; allora sarà possibile utilizzare i biglietti del bus o quelli ferroviari. “Tuttavia, già adesso esistono tariffe agevolate per i residenti della provincia di Bolzano, per i cittadini di Lagundo e gli abitanti di Aschbach.

PIR_5007
Le cabine sono pellicolate con l’immagine di una civetta, un simbolo scelto dalla popolazione di Lagundo attraverso una consultazione popolare; tale simbolo dovrà essere modificato di tanto in tanto, prevedendo così una maggiore presenza mediatica ed un ulteriore effetto promozionale. L’idea è venuta dagli studenti dell’Accademia di Belle Arti della Libera Università di Bolzano.

    Articolo redatto da Doppelmayr

Il Gruppo Doppelmayr/Garaventa definisce continuamente nuovi standard di riferimento con innovativi sistemi di trasporto a fune. Il massimo comfort e sicurezza sono le caratteristiche che contraddistinguono i suoi impianti a fune, sia per le stazioni turistiche estive ed invernali che per il trasporto urbano. L'efficienza e le prestazioni dei sistemi di trasporto materiali sono altrettanto impressionanti. Doppelmayr/Garaventa, leader mondiale della qualità, della tecnologia e del mercato funiviario, gestisce impianti di produzione e centri di vendita e assistenza in oltre 40 paesi del mondo. Ad oggi, il Gruppo ha costruito più di 15.000 impianti per clienti in oltre 95 paesi del mondo.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy