Il ruolo del vetturino nelle funivie a va e vieni

In questi giorni molti si sono chiesti se la figura del vetturino avesse potuto evitare l’incidente di Stresa. Scopriamo insieme il ruolo della persona che per oltre 100 anni ha accompagnato i viaggiatori durante le salite in funivia e che lentamente sta sparendo dai nuovi impianti.

 

Non solo un accompagnatore dei viaggiatori

La figura del vetturino, o agente di vettura, come identificato dalla normativa, nasce con il trasporto pubblico di persone sugli impianti a fune, nel lontano 1908 con la funivia del colle di Bolzano, prima funivia del mondo aperta al pubblico.

Inizialmente l’accompagnatore era presente anche negli impianti con molte cabine ad ammorsamento automatico, come ad esempio la cabinovia Schauinslandbahn realizzata a Friburgo nel 1929, dove sebbene l’esercizio fosse completamente automatico e non fossero presenti freni sulle funi portanti grazie alla presenza di una doppia fune traente, si preferiva affiancare ai turisti una figura che garantisse una maggior fiducia e potesse eventualmente collaborare per le operazioni di soccorso.

Con l’avvento degli ammorsamenti automatici con decine di cabine da massimo 10 persone questa figura è poi sparita dagli impianti a moto continuo, ed è stata relegata esclusivamente alle grandi funivie con due cabine. fino a circa 20 anni fa, quando con l’avvento di nuove tecnologie e soprattutto dei sistemi digitali e di videosorveglianza, sta lentamente sparendo, soprattutto dagli impianti più piccoli che vengono dotati di stazioni ad alta automazione in cui i viaggiatori salgono autonomamente sull’impianto come se si trovassero in un ascensore.

Il ruolo del vetturino

L’agente di vettura nasce per accompagnare i passeggeri durante il percorso e coadiuvare il macchinista nella conduzione dell’impianto. Il suo ruolo è innanzitutto definito dalla normativa che oltre a dettare i criteri di costruzione e di esercizio dell’impianto ne definisce l’organico del personale e relativi ruoli. Nel caso delle funivie a va e vieni il decreto 11/05/2017 n° 86 pubblicato su Gazzetta ufficiale n° 118 del 23/05/2017, stabilisce i compiti di base del personale che devono poi essere meglio dettagliati tramite il regolamento di esercizio di ciascun impianto.

Come detto l’agente di vettura, meglio noto come vetturino, deve innanzitutto occuparsi della gestione dei passeggeri sovrintendendo alle operazioni di imbarco e sbarco in sicurezza e prestando anche attenzione alle condizioni psicofisiche degli stessi; egli infatti ha il diritto/dovere di inibire l’accesso alla vettura di persone che si trovino ad esempio in evidente stato di alterazione. Inoltre deve vietare il trasporto di tutto ciò che possa mettere in pericolo la sicurezza degli occupanti.

Oltre a questi compiti prettamente organizzativi egli svolge delle attività molto importanti relativamente alla sicurezza e al funzionamento dell’impianto. Innanzitutto prima dell’inizio del servizio l’agente di vettura deve:

  • Controllare il funzionamento del circuito di sicurezza
  • Provare i pulsanti di arresto
  • Provare i contatti di finecorsa delle porte
  • Provare il funzionamento di tutti i dispositivi di comunicazione a disposizione
  • Controllare i freni sulla portante

Durante la marcia deve sorvegliare il comportamento della vettura in linea la quale pur scorrendo su un’unica via di corsa fissa (appunto la fune portante) potrebbe incontrare dei problemi lungo il percorso come ad esempio un cavallotto di linea che per un guasto si ritrova disallineato piuttosto che una pianta inclinata che va ad intralciare il libero passaggio della vettura.

Inoltre se l’impianto è dotato di sostegni di linea deve ovviamente controllare l’avvicinamento del veicolo al sostegno ed il relativo transito, intervenendo con in comandi presenti sul pannello di controllo oppure effettuando una guida a vista stando in costante comunicazione con il macchinista sul pulpito (operazione molto diffusa in caso di forti raffiche di vento trasversali).

Molto importante è poi il contributo dell’agente di vettura alle eventuali operazioni si soccorso in linea, inquanto egli deve coadiuvare le squadre di soccorso ed in alcuni casi provvedere direttamente all’evacuazione mediante calata a terra degli occupanti; per questo scopo viene effettuata una regolare e specifica formazione.

La qualifica

I requisiti necessari nonché gli esami per ottenere la qualifica di agente di stazione o di vettura vengono stabiliti dalla legge attraverso il decreto dirigenziale n° 288 del 17/09/2014. Per svolgere tale mansione non è richiesto un titolo di studio particolare, ciò potrebbe suscitare perplessità, ma effettivamente per questo lavoro non esiste un titolo di studio che possa avere un valore distintivo poiché si tratta di un’attività che richiede più che altro conoscenza del proprio mezzo come un qualsiasi conducente. La trasmissione dell’esperienza e la conoscenza delle regole insieme ad una buona dose di elasticità mentale sono le uniche peculiarità che caratterizzano questa qualifica.

La conduzione dalle vetture

Da qualche decennio gli impianti sono manovrabili anche direttamente dalle vetture. In tal caso dopo la corsa di prova, viene selezionato dal pulpito della stazione motrice la modalità di comando da vettura. In questa modalità di funzionamento il macchinista fissa da pulpito la velocità massima raggiungibile dall’impianto, mentre tutti gli altri comandi vengono trasferiti al pannello di controllo presente in cabina.

I vetturini una volta chiuse le porte danno il consenso alla marcia e comandano la partenza del viaggio; solitamente per ogni corsa è l’agente della vettura in salita a comandare la partenza, mentre entrambi sono liberi di intervenire lungo il percorso per limitare la velocità o arrestare l’impianto in caso di necessità.

Occorre precisare che in questa modalità di servizio il banco di manovra in stazione rimane impresenziato ma il macchinista deve comunque presidiare la stazione rendendosi immediatamente disponibile ad intervenire, anche perché in caso di arresto dell’impianto per qualsiasi motivo, la ripartenza può essere fatta solo dal macchinista da pulpito dopo aver verificato le cause dell’arresto e aver richiesto il consenso alle vetture in linea. Questa è attualmente la modalità di servizio più utilizzata al giorno d’oggi nelle grandi funivie.

La figura dell’agente di vettura quindi ha raggiunto un’importanza che va oltre a quella del semplice accompagnatore.

I piccoli impianti senza vetturini

Tuttavia nei piccoli impianti con cabine fino a 35 persone, invece, si sta sempre andando verso una organizzazione opposta: un agente unico di stazione motrice gestisce l’intero impianto controllando da remoto la stazione opposta tramite videosorveglianza e telecontrollo, ed i viaggiatori salgono autonomamente in cabina, per poi pagare il biglietto allo stesso agente manovratore della stazione, o a addirittura tramite casse automatiche. In questo caso le cabine sono dotate di impianto citofonico bidirezionale e, a volte, di videosorveglianza.

Ci permettiamo di esprimere una considerazione: una funivia piccola solitamente copre brevi tratte, svolge funzioni di trasporto pubblico locale con affluenze abbastanza ridotte che generano dei flussi di cassa altrettanto limitati, quindi la riduzione del personale può essere vista come una possibile mossa per la gestione dei costi di esercizio. Tuttavia anche se una funivia è piccola e incassa poco non è detto che sia esente dai problemi che abbiamo sopra citato: anche le funivie piccole hanno i sostegni di linea da percorrere, possono incontrare ostacoli lungo il percorso, possono avere dei guasti in linea. Si fatica quindi a capire quale raziocinio porti da una parte a dare una discreta rilevanza all’attività del vetturino riconoscendo l’importanza del controllo in linea, e dall’altra a eliminarlo per motivi economici.

Per gli impianti di grandi dimensioni costruiti prima della redazione del decreto, esiste la possibilità di operare senza agente di vettura con specifica autorizzazione purchè vengano rispettate delle condizioni imposte dalla legge:

  • Riduzione della portata della cabina a 15 persone
  • Presenza di dispositivi automatici di comunicazione con il macchinista
  • Impossibilità di apertura dall’interno delle porte
  • Disattivazione o assenza del comando manuale del freno di emergenza sulla portante (NB, solo il comando manuale, non l’inibire l’intervento automatico del freno!)
  • Limitazione della velocità massima di esercizio

Nelle situazioni di questo, tipo eventuali interventi sui freni di emergenza sulla portante scattati in modo inopportuno ad esempio per una perdita o un qualsiasi altro mal funzionamento, possono essere effettuati solo raggiungendo fisicamente la vettura dall’esterno utilizzando il carrello di soccorso piuttosto che calandosi con appositi dispositivi lungo la fune portante.

(Un ruolo molto importante del vetturino è anche quello di poter salire sull’imperiale delle vetture e controllare o ripristinare la riapertura del freno sulla fune portante tramite una pompa, nel caso si verifichino degli arresti anomali non causati da problemi reali alle funi, ma, ad esempio da semplici perdite nei circuiti idraulici. Dopo una accurata ispezione e su ordine del caposervizio, l’agente può procedere alla riapertura graduale del freno.)

Gli impianti ad elevata automazione, possono essere dotati di dispositivi di comando remoto del freno, ma è sempre consigliato che un tecnico raggiunga la cabina per ispezionare a fondo la causa che ha determinato la chiusura del freno. È facile immaginare che tali operazioni manuali siano considerate particolarmente complesse, scomode, pericolose e costose e l’idea di eliminazione del freno sulla portante, passando ad un anello traente impalmato come quello delle cabinovie con morse sul carrello,  consegue  appunto dalla richiesta di eliminare l’agente di vettura: la presenza del freno rende appunto complessa la gestione dell’impianto senza vetturino.

Il vetturino avrebbe potuto evitare l’incidente di Stresa?

La presenza dei vetturini sulle cabine di Stresa non avrebbe sicuramente evitato la rottura della fune traente (motivo peraltro ancora sotto indagine della procura), ma la sua presenza avrebbe forse potuto evitare la sciagura conseguente data dalla manomissione del freno; non dimentichiamo che il blocco dei freni, è stato appurato dalle testimonianze in sede processuale, veniva inserito per evitare l’intervento intempestivo e la conseguente necessità di raggiungere la vettura in linea per ripristinare l’inconveniente.

Questa “scomodità” sarebbe stata probabilmente evitata grazie alla presenza del vetturino, il quale tenendo sotto controllo la pressione del freno avrebbe potuto evitare l’intervento intempestivo e, qualora ciò non fosse stato sufficiente, avrebbe probabilmente potuto velocemente ripristinare il servizio senza la necessità di effettuare manovre più complesse.

Due stipendi possono sembrare una spesa inutile per decine di anni, ma in un secondo possono salvare la vita di decine di persone; se volessimo anche valutarla dal più volgare lato economico, l’intero risparmio derivante dal mancato impiego dei vetturini sarà mai in grado di ammortizzare il danno economico che ne è derivato.

Michele Ballarini per Funivie.org

    Articolo redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 2000 visitatori unici al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.




Pubblica i tuoi contenuti

Vuoi pubblicare i tuoi articoli o comunicati stampa su Funivie.org?

Segnala un problema su questa pagina




    Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy

    Pubblicità