Funivie: 371 impianti in Alto Adige nel 2015

Lo sviluppo del settore funiviario in provincia di Bolzano tra il 2014 e il 2015 è documentato in una pubblicazione dell’Ufficio Funivie edita di recente.

Al 31 dicembre 2015 in Alto Adige risultavano essere in funzione 371 impianti a fune con uln portata oraria complessiva di 522.677 persone/ora. Lo si legge nella pubblicazione “Impianti a fune in Alto Adige 2015” edito dall’Ufficio Funivie della Provincia.

Si posiziona così al terzo posto nel raffronto con le aree geografiche limitrofe, dopo il Tirolo collocandosi in prima posizione sia per il numero degli impianti (1.072) che per la portata oraria (1.475.361 persone/ora) e dopo il Land Salisburgo al quale va il secondo posto con 556 impianti e una portata di 780.866 persone all’ora. È però davanti al Trentino (231 impianti e portata oraria 349.730 persone/ora). Mettendo in relazione il numero di impianti con la superficie territoriale, l’Alto Adige con 50,1 impianti per per 1.000 km², risulta dietro al Vorarlberg, al Tirolo e al Salisburgo. Solo lo 0,5% della superficie del territorio altoatesino viene utilizzato per la pratica dello sci. I dati emergono dalla pubblicazione “Impianti a fune in Alto Adige 2015” edita dall’Ufficio funivie della Provincia.

fraina

In Alto Adige gli impianti a fune rappresentano per l’assessore provinciale alla mobilità un settore centrale della politica della mobilità, non solo perché sono mezzi sostenibili dal punto di vista ambientale, ma anche perché sono imprescindibili per la competitività del turismo invernale, e per tali ragioni devono essere costantemente ammodernati.

L’importanza economica del settore delle funivie si desume dal fatturato, un valore della produzione pari a 287,7 milioni di euro e un importante volano per l’economia locale, come fa presente l’assessore Mussner.

Come ogni anno, l’ambito di pianificazione in cui si registra la maggior portata oraria è la Val Gardena-Alpe di Siusi con 111.406 persone/ ora, seguita dall’Alta Val Badia (83.626 persone/ora) e dalla Val Pusteria (66.407 persone/ora).

Delle 120.768.953 persone trasportate dagli impianti a fune nell’inverno 2014/15 il 68,1% sul totale sono state trasportate dagli impianti ad ammorsamento automatico, seguiti dalle seggiovie e cestovie (18,2%) e dalle sciovie (11,0%).

Il numero di persone (pedoni) che usufruisce del servizio impianti a fune nel periodo maggio – ottobre nel 2014, rispetto all’anno precedente, è diminuito del 6,3 % a causa del maltempo Negli ultimi decenni è stato però rilevato complessivamente un aumento considerevole. Se nel 1996 erano 3,7 milioni le persone trasportate, nella stagione estiva 2014 queste sono risultate pari a 6,8 milioni, ovvero quasi il doppio. Nel 2014 le persone impiegate nel settore dei trasporti funiviari erano 1.953.
Durante la stagione estiva 2015 secondo le stime sono state trasportate oltre 7milioni di persone, con un incremento del 3,3% rispetto all’estate 2014.

La pubblicazione “Impianti a fune in Alto Adige 2015”, di cui è autore Johann Zelger dell’Ufficio Funivie, è disponibile in versione cartacea presso il medesimo Ufficio, in Piazza Silvius Magnago 3, a Bolzano, tel. 0471 41 46 00, fax 0471 41 46 16 e scaricabile da questa pagina.

    Articolo redatto da Ufficio Trasporti Funiviari Bolzano

L’ufficio Trasporti Funiviari opera per la sicurezza e regolarità delle funivie in servizio pubblico nella Provincia di Bolzano. Le mansioni dei tecnici dell’ufficio trasporti funiviari sono così suddivisi: esame ed approvazione dei progetti, collaudi, sorveglianza tecnica e di esercizio degli impianti a fune, pareri tecnici per progetti di impianti a fune per trasporto di persone e merci non in servizio pubblico, approvazione delle modalità d’esercizio degli impianti a fune in servizio pubblico, funzioni di polizia amministrativa.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy