È di LEITNER ropeways il nuovo progetto per la storica funicolare di Castel San Pietro a Verona

A Verona LEITNER ropeways firma un’opera che coniuga tradizione e modernità rispondendo alle esigenze infrastrutturali delle odierne attrattive turistiche. Così si presenta infatti il nuovo ascensore inclinato che collegherà la città a Castel San Pietro. Con la sua fortezza e lo splendido panorama, lo storico colle è una meta turistica molto amata, che grazie al nuovo sistema di trasporto beneficerà di una rinnovata attrattiva.

Nuovo slancio all’attrattiva turistica della fortezza grazie all’ascensore inclinato Per la città di Verona il Colle San Pietro è molto più di un semplice sito d’interesse turistico. Da sempre luogo di importanza strategica, nella lunga storia della città vi furono edificati templi e fortificazioni. La fortezza, fatta costruire alla fine del XIX secolo dal feldmaresciallo Radetzky sul sito dell’antica chiesa di San Pietro, è un’opera architettonica con un grande potenziale turistico, grazie anche alla spettacolare veduta sulla città. E se qualcuno, pur interessato, rinuncia a visitarla è solo a causa della faticosa scalinata che sale dal Teatro Romano, ai piedi del colle.

La Fondazione Cariverona, ente privato per la promozione dello sviluppo sociale ed economico di Verona, si è impegnata a rendere Castel San Pietro più facilmente accessibile ai visitatori e a rilanciarne l’attrattiva turistica. In questo quadro una funzione importante spetta proprio al nuovo ascensore inclinato di LEITNER ropeways.

LEITNERropeways_Verona_San_Pietro

Sul colle era già stato realizzato un impianto di risalita, la “Funicolare di Castel San Pietro”, rimasta però in funzione solo dal 1941 al 1944. Un’opera straordinaria che entrerà in funzione nel 2015 lungo il vecchio tracciato. Essenziale nella progettazione e nella costruzione del nuovo ascensore sarà rispettare il tracciato storico della vecchia funicolare e realizzare una stazione intermedia che dia accesso al parco e al museo archeologico. Dal punto di vista architettonico si dovrà fare in modo di non alterare gli edifici storici. Vetro e metallo saranno i materiali predominanti dell’opera. Davanti alla stazione a valle sono previsti una zona pedonale e un parcheggio per gli autobus. Il nuovo ascensore inclinato avrà una lunghezza inclinata di 158 m e supererà un dislivello di 55 m. La cabina, con una capienza di 25 persone, potrà raggiungere una velocità massima di 2,5 metri al secondo, garantendo una portata di 600 persone all’ora.

LEITNERropeways_Verona_Cabina

L’ascensore avrà una potenza motrice di 30 kW e la corsa durerà circa 75 secondi. Azionato in modo completamente automatico dalle stazioni, non richiederà la presenza di personale a bordo. Entrerà in funzione nel 2015 e servirà sia come mezzo di trasporto urbano sia come impianto turistico.

Per LEITNER ropeways quello di Castel San Pietro è un progetto straordinario, come spiega il direttore commerciale Giorgio Pilotti: “Ci dà infatti la possibilità di far rivivere un impianto urbano storico dopo oltre 70 anni di inattività, riproponendo in chiave moderna un sistema di trasporto efficiente ed economico inserito in un ambiente suggestivo e affascinante quale quello del centro di Verona”.

Verona (ITA) Ascensore inclinato

  • Tipo di impianto: ascensore inclinato
  • Lunghezza inclinata: 158 m
  • Dislivello: 55 m
  • Capacità: 600 p/h
  • Numero di cabine: 1
  • Capacità cabine: 25 p
  • Velocità massima: 2,5 m/s
  • Larghezza del tracciato: 6 m
  • Tempo di percorrenza:  75 sec.

    Articolo redatto da Leitner Ropeways

Il Gruppo Leitner è protagonista a livello mondiale nel settore degli impianti a fune (Leitner ropeways e Poma), dei battipista e veicoli cingolati (Prinoth), dell’innevamento programmato (Demaclenko) e dell’energia eolica (Leitwind). Nel 2019, per la prima volta in 130 anni, ha superato il miliardo di fatturato.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy