Due nuovi impianti al Lago di Resia: una lunga attesa infine premiata

Collegamento con impianti LEITNER ropeways tra i comprensori sciistici di Alpe della Muta e Belpiano in Alto Adige

I primi progetti per la realizzazione di un collegamento tra il comprensorio sciistico di Alpe della Muta e quello di Belpiano risalgono a diversi anni fa: la valutazione dell’impatto ambientale, fondamentale prima di avviare qualsiasi iniziativa, era infatti già stata fatta e completata nel 2010, ma tutto era rimasto fermo fino al 2017, anno in cui la Giunta Provinciale di Bolzano ha finalmente approvato il progetto di sviluppo, a condizione che le due società interessate, la Schöneben AG e la Haider AG, si fondessero insieme. Via libera perciò all’intervento per la gioia di operatori locali e ospiti, che qui giungono numerosi: e l’incarico per realizzare le due nuove cabinovie da 10 persone è stato affidato a LEITNER ropeways.

La creazione di un unico grande comprensorio che racchiude le due zone sciistiche interessate dall’intervento è di grande importanza strategica per l’area del Passo Resia, meta ricreativa rivolta non solo agli utenti locali – famiglie e amanti dello sport e della natura provenienti dalla Val Venosta – ma anche ai turisti; il numero di pernottamenti è infatti in continuo aumento, e la nuova offerta di sport invernali rappresenta un’ulteriore attrattiva all’insegna della modernità e della sostenibilità.

Per questo il collegamento sciistico Belpiano-Alpe della Muta era così importante: la zona è infatti in posizione strategica al confine con Austria e Svizzera, ed è una meta ambita da famiglie e sciatori principianti, ma anche da snowboarder e amanti del freestyler. Con il nuovo progetto l’area espanderà la propria offerta sia da un punto di vista quantitativo che qualitativo e potrà essere fruibile tutto l’anno grazie al posizionamento strategico dei nuovi impianti, due cabinovie da 10 persone “firmate” LEITNER ropeways.

La prima, la “GD10 St. Valentin – Schöneben” porta da San Valentino all’area sciistica di Belpiano; comprensiva di una stazione intermedia, la cabinovia rappresenta il punto nodale tra le zone sciistiche di Belpiano e Alpe della Muta, evita l’attraversamento di zone abitate e, con i suoi 4,3 chilometri complessivi di lunghezza, è uno degli impianti più lunghi di questo tipo.

La seconda cabinovia è la “GD10 Höllental”, che partirà dalla stazione a monte di Belpiano, da dove si accede alla pista Höllental, e da qui raggiungerà la nuova pista di collegamento che conduce alla stazione intermedia della “GD10 St. Valentin – Schöneben”. Questo è anche il punto in cui termina la nuova pista “Plan Grand” da Alpe della Muta.

Frowin Stecher, Verwaltungsrat Schöneben AG; Franz Prieth, Vertreter der Gemeinde in der Gesellschaft und Verwaltungsrat der Schöneben AG;
Christian Maas, Vize Präsident Schöneben AG; Andreas Lechthaler Präsident Schöneben AG

 

GD10 St. Valentin – Schöneben

  • Lunghezza inclinata – 4.324 m
  • Dislivello – 421 m
  • Capacita oraria – 1600 persone/h
  • Velocità – 6 m/sec
  • Numero di cabine – 73
  • Numero di sostegni – 24

GD10 Höllental

  • Lunghezza inclinata – 1360 m
  • Dislivello – 414 m
  • Capacita oraria – 2400 persone/h
  • Velocità – 6 m/sec
  • Numero di cabine – 38
  • Numero di sostegni – 10

    Articolo redatto da Leitner Ropeways

Il Gruppo Leitner è protagonista a livello mondiale nel settore degli impianti a fune (Leitner ropeways e Poma), dei battipista e veicoli cingolati (Prinoth), dell’innevamento programmato (Demaclenko) e dell’energia eolica (Leitwind). Nel 2019, per la prima volta in 130 anni, ha superato il miliardo di fatturato.





Cerchi, ad esempio, tutte le funivie in lombardia? Filtra gli articoli per tag multipli

Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy