Come funziona il magazzino TGZ a spaziatura variabile per seggiovie e cabinovie

Le ultime tecnologie vogliono magazzini automatici sempre più piccoli, ma con la stessa capienza seggiole.

In questo speciale tecnico andiamo ad esaminare il funzionamento di un nuovo tipo di magazzino che, grazie ad un brevetto esclusivo, unisce la stabilità e semplicità dei tradizionali magazzini a catena e spintori orizzontali con il vantaggio dei magazzini a spintori verticali, ossia la possibilità di variare la spaziatura dei veicoli in curva, aumentandone la distanza affinché le seggiole e le cabine (soprattutto a pianta quadrata) possano sfruttare al massimo gli spazi del magazzino nei tratti dritti, senza toccarsi tra di loro nelle curve. Questa tecnologia rilascia vantaggi più evidenti negli impianti a seggiole e nelle cabinovie con vetture a base quadrata.

Come funziona il magazzino TGZ a spaziatura variabile per seggiovie e cabinovie

    Articolo redatto da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 2000 visitatori unici al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.





Segnala un errore su questa pagina




Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Accetto il trattamento dati Privacy