Referenze storiche ditta Piemonte Funivie

Referenze storiche ditta Piemonte Funivie

La Piemonte Funivie venne fondata nel 1955 in Piemonte come alter ego della Carlevaro & Savio (Storici nomi fra i massimi pionieri del mondo funiviario) che costruiva all’ estero. La Piemonte Funivie costruiva in Italia e il prodotto era lo stesso della Carlevaro & Savio ed andava in particolar modo per la telecabina ad agganciamento automatico biposto (la maggior parte a forma di ovetti e di colori diversi).

Referenze_Piemonte_Funivie

cabina_4_piemonte_funivie

Cabina Piemonte Funivie

All’ estero Carlevaro e Savio realizzò moltissimi impianti, anche negli USA; in Italia notevolissima fu la costruzione dell’ impianto che collegava, nei primi anni ’60, la località Aosta a Pila, con una lunghezza di oltre 5000 m. e un dislivello di quasi 1000 m. in due tronchi. In seguito le due società si divisero e l’ archivio Carlevaro passò alla Agudio (attuale Poma Italia) che utilizzo il sistema Carlevaro & Savio solo una volta, sulla telecabina Riviera-Alpe Foppa in Svizzera nel 1974.

magazziono_piemonte_funivie

Magazzino cabine

La Piemonte Funivie continuò, sviluppando in proprio, sulla fine degli anni ’70, una morsa automatica per veicoli a 4 posti, che utilizzò una sola volta sulla telecabina Frattazza-Tognola a San Martino di Castrozza, impedendo quindi un adeguato ammortamento dei forti costi sostenuti per questo studio (Questo fu il primo errore della Piemonte Funivie, perché in quegli anni la Agudio aveva già sviluppato la morsa per veicoli a 6 posti, che conosciamo bene sulle cabine pininfarina, e rispetto alla quadriposto aveva un rapporto costo/prestazione migliore. In più, l’ Agudio in quel periodo aveva una forza economica molto superiore a quello della Piemonte Funivie; da qui la grande quantità di telecabine a 6 posti della Agudio costruite negli anni 80-90.

Negli anni 80 la Piemonte Funivie ereditò l’ archivio e le attività della sua vedova ITALFUNIVIE (piccola azienda ma molto apprezzata in Lombardia) del compianto ing. Gatti di Como. In questa acquisizione la Piemonte Funivie si trovò a dover sviluppare ed ingegnezzare un geniale avvolgitore per sciovia, basato sul principio elettromagnetico. Con questo avvolgitore vennero realizzate alcune sciovie: a Gressoney, all’ Abetone, Pragelato, Pian del Frais ecc.

Le attività svolte in Piemonte Funivie erano molteplici, tutto si doveva fare purché si trattasse di una fune; la struttura aziendale tendeva a progettare e costruire in proprio il maggior numero di pezzi possibile, all’ esterno si acquistavano solo le funi, le cabine, i motori, i riduttori le apparecchiature elettriche. Il resto veniva prodotto nelle officine meccaniche della Piemonte Funivie.

Gli stabilimenti erano 3: L’ufficio tecnico, amministrativo e commerciale in centro a Torino; Il reparto lavorazioni meccaniche alla periferia di Torino. La carpenteria a Leinì, vicino alla Agudio (adesso in queste sedi vi sono altre attività). Le cabine biposto erano di struttura mista metallo-vetroresina e venivano costruite dal carrozziere Nardo di Modena.

Altri impianti costruiti furono: La funivia Rapallo-Montallegro che cominciò a funzionare nel 1984 (i lavori iniziarono nel 1980), una seggiovia biposto più due sciovie realizzate a Pragelato (TO) nel 1982 e una potente sciovia costruita a Pian del Frais (TO) nel 1984.

Per alcuni di quest’ impianti vi sono delle particolarità, come la funivia di La Thuile, aperta nel 1967, caratterizzata da cabina completamente gialla sul ramo destro e completamente blu sul ramo sinistro (giusto a richiamare i colori della ditta), i suoi piloni erano 3 e poteva viaggiare ad una velocità di 9 m/s grazie all’ installazione di un motore da 350 CV ubicato nella stazione a monte.

funivia_lathuile

Funivia di La Thuile

Un’ altra particolarità è nelle stazioni: la zona d’ imbarco fu costituita, per un certo periodo di tempo, da trasparenti lastre di U-Glass sostenute da una struttura metallica; nelle stagioni sciistiche si poteva percepire la sensazione di vedere una lastra di ghiaccio intorno al paesaggio bianco.

Il collegamento Stresa-Alpino-Mottarone fu operante dal 1970 e anche qui le quattro cabine sono di colore diverso: gialla e rossa nel primo tronco, azzurra e rosa nel secondo.

funicolare_st_vicent_piemonte_funivie

La funicolare St. Vicente-Fons Salutis consente l’ ascesa alle note terme scoperte nel 1770.

funicolare_biella_piemonte_funivia

Funicolare di Biella

La Piemonte Funivie non si limitò alle realizzazioni in solo servizio pubblico, ma anche privato, come molti piani inclinati e funivie piccoline.

piano_inclinato_piemonte_funivie

Piano inclinato ENEL

Una caratteristica della maggior parte di queste telecabine furono sicuramente le cabine di forma ovoidale, molte volte differentemente colorate, (da qui il nome dell’ impianto “ovovia”) questo tipo di cabinette sono state sempre apprezzate non solo dagli sciatori, ma anche dagli addetti ai lavori, data la loro aerodinamicità; infatti queste sono diventate oggetto di una versione umanizzata di una raccolta vignettistica del Sig. Bonzani della Val Vigezzo. Tali cabine vennero idealizzate dall’ ing. Ugo Carlevaro con un ing. Dela Aeritalia (oggi Alenia), con queste cabine attrezzò già nel 1949 la telecabina Alagna-Belvedere. Con queste cabinette vennero realizzati impianti anche negli U.S.A e in Francia (in due tronchi a Champeréry-Svizzera).

Nel Luglio del 1979 iniziarono i lavori per la telecabina quadriposto Frattazza-Tognola e finirono prima del Natale dello stesso anno; la particolarità assoluta di quest’ impianti è quella di disporre della completa movimentazione automatica dei veicoli in stazione e in magazzino (Quota Neve n° 6 Settembre-Ottobre 1980), automazione realizzata dalla società DEMA di Buriasco (TO). Oltre alle principali caratteristiche tecniche citate nella tabella delle referenze vorrei aggiungere che le 106 cabine viaggiavano a 3,5 m/s e che la portata oraria dell’ impianto era programmabile a seconda dell’ affluenza: 300-600-900 p/h

La Piemonte Funivie costruì in Italia impianti commercializzati nel mondo dalla Carlevaro & Savio, tra questi impianti vi sono: la funivia monofune realizzata al Mont Snow – Vermont U.S.A, a servizio dell’Hotel Snow Lake; antenata seggiovia con carenatura al Mont Snow nel 1969 – Vermont U.S.A; telecabina ad ammorsamento automatico realizzata a Kuala Lumpur Malesia nel 1971.

L’ azienda cominciò ad avere qualche difficoltà economica nel 1982 a seguito degli impianti di Pragelato che non furono pagati e per il protrarsi della costruzione della funivia di Rapallo. Da qui la decisione di cessare l’ attività e di vendere l’ archivio storico all’ Agudio.

fiera_piemonte_funivie

Fiera di Torino

    Pubblicato da Funivie.org

Fondato nel 2003 e con una media di 2000 visitatori unici al giorno, Funivie.org è la fonte di informazione e aggiornamento per tutti coloro che progettano, lavorano o semplicemente amano la tecnologia funiviaria.






Filtro multiplo per parole chiave, cliccale per filtrare, cliccale nuovamente per rimuoverle
$ Premium 1884 1908 1912 1929 1935 1937 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959 1960 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 ABL Abruzzo Agamatic Agudio Algeria Aliauto Italia Allestimenti per piste da sci Alpina Snowmobiles Alpinbob Alpitec Altim Andorra ANEF Anticaduta Aperture estive Aperture invernali APM Applicazioni smartphone Arabbafly Argentina Attrazioni per parchi di divertimento ATW Australia Austria Automotore Azerbaijan Azionamenti elettrici Badoni Basilicata Battipista Belleli BGD BMB-Asi-Nidec BMF Bartholet Bolivia Bolognola Ski Brasile Brembo Ski Campania Canada Carlevaro e Savio Carrozzeria Cavallini Cartografia CCM Ceretti Tanfani Ceriani CFM CGD CGF CGR Cile Cina CLD CLF COGE Colombia Compac Concorsi Controllo accessi Convegni e seminari Corea Corsi di abilitazione Corsi di formazione Cortech Cortina2021 CWA CWR Demaclenko Ditte Divertimenti estivi Divertimenti invernali DMC Dolomiti Superski Doppelmayr EEI Egitto Emilia-Romagna EMMEGI Enel Eritrea Estonia Federfuni Fiere Finlandia Fotovoltaico Francia Frey Friuli Venezia Giulia FUF FUL FUN Funitek Funivie Madonna di Campiglio Funivie urbane Gangloff Garau Giuseppe Garaventa GEA Georgia Germania Gestione flotte Gestione piste Giappone GIS Solution Gradio Graffer Grecia Guatemala Hoelzl e Kone Hölzl Imprese Turistiche Barziesi INE Infotainment Inghilterra Innevamento alta pressione Innevamento bassa pressione Innevamento indoor Innevamento sopra lo zero Interalpin Kaessbohrer LATIF Lazio LEGO Leitner Ropeways Liguria Lombardia Londra LST Macchine operatrici Magazzini Malesia MAN Manifestazioni Marche Marchisio MCB MEB Impianti Messico MET Metalna MGD MGF MGF-J MND Group Molise Montaz Mautino Moosmair Mostre Motoslitte Mountain Planet MRL MRW Musei ed Esposizioni Nascivera Nepal Neveplast NeveXN Norvegia Nuova Zelanda OITAF Olanda Olimpiadi Pyeongchang 2018 Ospitalità in quota Personaggi PHB Pohlig Heckel Bleichert Piemonte Piemonte Funivie Pininfarina Piste artificiali Polonia Poma Poma Italia Portogallo PowerGIS Prinoth Prodotti per manutenzione Prowinter PWH Qatar Raduni Railcon Redaelli Referenze e statistiche Regno Unito Repubblica Ceca Rifugi e ristoranti Risparmio energetico Romania Rosnati Russia Sacif Safecom Sicilia Sicurezza sul lavoro Singapore SKIDATA Skipass Skiperformance SL Slittovia Slovacchia Slovenia Snowpark Snowstar Sacif Snowsuite Sochi2014 Spagna SPM SpA Stati Uniti Steurer STM Sistem Teleferik Svezia Svizzera Tappeti di imbarco Tappeti di risalita TechnoAlpin Teletrasporti Tesi TGD Thyssenkrupp Toscana Trasporto materiale Trentino Alto Adige Trojer Turchia Turismo in alta quota Ucraina Ungheria Valanghe Val Gardena Marketing Valle d'Aosta Veicoli Veneto Venezuela Vietnam Visite guidate VLE Von Roll Wipptal360 Zemella
Segnala un errore su questa pagina



Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Privacy