Come funziona la funivia Bartholet di Brest

La tecnologia sviluppata e brevettata per le Funivie da Bartholet è una novità assoluta mondiale. Si basa infatti su un principio di funzionamento, secondo il quale le cabine s’incrociano una sopra all’altra, anziché una di fianco all’altra.

Il sistema è costituito da due funi portanti e due funi traenti per ogni via di corsa. I diversi scartamenti delle due cabine permettono ai veicoli di incrociarsi a metà percorso uno sopra all’altro, cosicché per ogni stazione è sufficiente un’unica piattaforma d’imbarco. Grazie a questa soluzione la città di Brest ha potuto ridurre notevolmente l’impatto dimensionale e i costi di costruzione delle stazioni.

Le due cabine sono mosse da due anelli chiusi di fune traente, uno a destra ed uno a sinistra di ogni veicolo. Sul veicolo sono presenti 4 morse, due per fune traente. La stazione di valle è motrice tenditrice, ed ospita i due argani, uno per ogni anello, che lavorano simultaneamente nel servizio normale. In questa condizione eventuali differenze di velocità date dalla differenza di usura delle gole sulle pulegge vengono compensate dalla presenza del contrappeso.

La stazione di monte è invece di semplice rinvio, con due pulegge inclinate, una per ogni anello di fune; entrambe sono dotate di dispositivo idraulico per il recupero dell’eventuale allungamento della fune.

In caso di guasto ad uno dei due argani, invece è possibile accoppiare il giunto centrale permettendo ad un solo argano di muovere anche il secondo anello di fune, permettendo la prosecuzione dell’esercizio.

In caso di guasto ad entrambi i riduttori principali è possibile effettuare il recupero delle vetture mediante motori idraulici che agiscono su una delle due pulegge di deviazione sull’argano; anche queste pulegge sono collegabili tramite un secondo albero che consente di muovere entrambe le pulegge con un solo motore idraulico.

Le due cabine dotate di ampie vetrate offrono una capacità di 60 persone e sono state costruite da Gangloff Cabins (Gruppo BMF) a Seftigen. Per preservare la sfera privata degli abitanti nella zona al di sotto del percorso, è stato utilizzato per le cabine un vetro speciale (Privacy Glass). In alcuni punti del percorso questi vetri a richiesta. possono essere oscurati. Una finestra posizionata sul pavimento della cabina consente ai passeggeri di ammirare il panorama.

    Articolo redatto da BMF Bartholet

Bartholet Maschinenbau AG (BMF) con la sua sede principale a Flums in Svizzera, nella bella e splendida regione "Heidiland" è un'impresa leader a livello internazionale nel settore degli impianti meccanici di risalita, di parchi d'attrazione, nella costruzione meccanica di precisione, nella lavorazione di metalli. Per inserire i tuoi articoli come sta facendo questa azienda richiedi l'accreditamento.





Filtro multiplo per parole chiave, cliccale per filtrare, cliccale nuovamente per rimuoverle
$ Premium 1884 1908 1912 1929 1935 1937 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959 1960 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 ABL Abruzzo Agamatic Agudio AIPnD Algeria Aliauto Italia Allestimenti per piste da sci Alpina Snowmobiles Alpinbob Alpitec Altim Andorra ANEF Anticaduta Aperture estive Aperture invernali APM Applicazioni smartphone Arabbafly Argentina Attrazioni per parchi di divertimento ATW Australia Austria Automotore Azerbaijan Azionamenti elettrici Badoni Basilicata Battipista Belleli BGD BMB-Asi-Nidec BMF Bartholet Bolivia Bolognola Ski Brasile Brembo Ski Campania Canada Carlevaro e Savio Carrozzeria Cavallini Cartografia CCM Ceretti Tanfani Ceriani CFM CGD CGF CGR Cile Cina CLD CLF COGE Colombia Compac Concorsi Controllo accessi Convegni e seminari Corea Corsi di abilitazione Corsi di formazione Cortech Cortina2021 CWA CWR Demaclenko Ditte Divertimenti estivi Divertimenti invernali DMC Dolomiti Superski Doppelmayr Economia EEI Egitto Emilia-Romagna EMMEGI Enel Eritrea Estonia Federfuni Fiere Finlandia Fotovoltaico Francia Frey Friuli Venezia Giulia FUF FUL FUN Funitek Funivie Madonna di Campiglio Funivie urbane Gangloff Garau Giuseppe Garaventa GEA Georgia Germania Gestione flotte Gestione piste Giappone GIS Solution Gradio Graffer Grecia Guatemala Hoelzl e Kone Hölzl Imprese Turistiche Barziesi INE Infotainment Inghilterra Innevamento alta pressione Innevamento bassa pressione Innevamento indoor Innevamento sopra lo zero Interalpin Kaessbohrer LATIF Lazio LEGO Leitner Ropeways Liguria Lombardia Londra LST Lussemburgo Macchine operatrici Magazzini Malesia MAN Manifestazioni Marche Marchisio MCB MEB Impianti Messico MET Metalna MGD MGF MGF-J MND Group Molise Montaz Mautino Moosmair Mostre Motoslitte Mountain Planet MRL MRW Musei ed Esposizioni Nascivera Nepal Neveplast NeveXN Norvegia Nuova Zelanda OITAF Olanda Olimpiadi Pyeongchang 2018 Ospitalità in quota Personaggi PHB Pohlig Heckel Bleichert Piemonte Piemonte Funivie Pininfarina Piste artificiali Polonia Poma Poma Italia Portogallo PowerGIS Prinoth Prodotti per manutenzione Prowinter PWH Qatar Raduni Railcon Redaelli Referenze e statistiche Regno Unito Repubblica Ceca Rifugi e ristoranti Risparmio energetico Romania Rosnati Russia Sacif Safecom Sicilia Sicurezza sul lavoro Singapore SKIDATA Skipass Skiperformance SL Slittovia Slovacchia Slovenia Snowpark Snowstar Sacif Snowsuite Sochi2014 Spagna SPM SpA Stati Uniti Steurer STM Sistem Teleferik Svezia Svizzera Tappeti di imbarco Tappeti di risalita TechnoAlpin Teletrasporti Tesi TGD Thyssenkrupp Toscana Trasporto materiale Trentino Alto Adige Trojer Turchia Turismo in alta quota Ucraina Ungheria Valanghe Val Gardena Marketing Valle d'Aosta Veicoli Veneto Venezuela Vietnam Visite guidate VLE Von Roll Wipptal360 Zemella
Segnala un errore su questa pagina



Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Privacy