2017-06-09 Grande successo per il Congresso funiviario mondiale andato in scena  a Bolzano

Ieri è volto al termine a Bolzano l’XI Congresso funiviario mondiale, che ha ospitato 350 partecipanti provenienti da 30 Paesi. L’alto Adige è stato quindi per la prima volta palcoscenico di uno scambio internazionale di alto livello tra gli operatori del settore funiviario.Portare questo congresso in Sudtirolo era un obiettivo auspicabile perché qui hanno sede i leader mondiali del settore. L’organizzazione del congresso a Bolzano rappresenta un’occasione e un’opportunità uniche per l’economia e il turismo altoatesini e contribuisce anche a consolidare ulteriormente la posizione dell’alto Adige quale sede eccellente per lo sviluppo di tecnologie alpine”, ha dichiarato il Presidente della Provincia Arno Kompatscher in apertura di congresso.

350 persone hanno partecipato al congresso a Bolzano.

Il congresso è stato organizzato dall’OITAF, in collaborazione con l’EURAC e gli interventi dei relatori sono stati tradotti in 5 lingue. L’OITAF è l’unica organizzazione internazionale del settore funiviario che riunisce gli esercenti e le imprese funiviarie, i costruttori di impianti a fune e le autorità di sorveglianza di 31 Paesi in tutti i continenti allo scopo di promuovere e sviluppare i trasporti a fune. Dal 1984 la sede della segreteria generale dell’OITAF presso l’Ufficio Trasporti Funiviari a Bolzano è diretta dall’ing. Markus Pitscheider.

“Negli ultimi sei anni, dal congresso di Rio de Janeiro nel 2011 che ho avuto l’onore di presiedere, il settore funiviario ha fatto passi da gigante. Gli impianti a fune sono diventati una soluzione concreta ai problemi di mobilità. All’impiego nel settore del turismo e degli sport invernali, la cui dimensione è rimasta costante, si è aggiunto il segmento degli impianti a fune urbani, che ha aperto potenziali enormi”, ha dichiarato il presidente uscente Martin Leitner. Prima dell’apertura dei lavori congressuali, si è tenuta l’assemblea generale dell’OITAF in occasione della quale il Presidente Martin Leitner, vicepresidente della ditta Leitner di Vipiteno ha ceduto la propria carica a Jörg Schröttner del Ministero dei trasporti, delle tecnologie e dell’innovazione di Vienna.

Ing. Markus Pitscheider (Segretario generale dell’OITAF), Mag. Jörg Schröttner (nuovo Presidente di OITAF) e Martin Leitner (Presidente uscente dell’OITAF)

Ecologia e sostenibilità

All’insegna del motto “Funivie – trasporto ed emozione” 33 relatori di fama mondiale si sono ritrovati a Bolzano per discutere tra l’altro dello sviluppo degli impianti a fune in ambito urbano e turistico.

Le funivie sono state confrontate con altri mezzi di trasporto per quanto riguarda le emissioni di CO2 e la redditività, discutendo del futuro degli impianti a fune urbani in Europa e America. A La Paz in Bolivia, ad esempio, è in fase di ultimazione una rete di 30 km di cabinovie con 26 stazioni.

Un altro esempio di trasporti innovativi è quello della funivia della città colombiana di Medellin che uniscono i quartieri socialmente svantaggiati con il centro urbano. Il tragitto per raggiungere il lavoro durava prima un’ora e mezza mentre ora si impiegano solo 30 minuti. Il cosiddetto “Metrocable” ha contribuito a riportare la tranquillità in un quartiere una volta turbolento, il benessere è visibilmente migliorato e la criminalità è diminuita. E questo è solo un esempio degli effetti che una soluzione ingegnosa di mobilità a mezzo funivia può avere sulla vita sociale ed economica delle persone.

Durante il congresso è stata inoltre fatta luce sugli aspetti tecnici ed economici della gestione e dell’esercizio degli impianti a fune. Una metà giornata dei lavori congressuali è stata invece dedicata alla tecnica funiviaria pura, nel corso della quale esperti e ditte costruttrici hanno potuto informarsi sulle novità e sulle nuove conoscenze del settore. Quindi in sintesi: le funivie assicurano prosperità e rendono possibile godere dell’offerta turistica tutto l’anno oltre ad essere tra i mezzi di trasporto più ecologici e sostenibili.

La funivia del Renon unisce il capoluogo della provincia di Bolzano con il Renon ed è particolarmente apprezzata da pendolari e turisti.

Gli impianti a fune sono il futuro

Il prof. Heiner Monheim, uno dei keynote speaker ed esperto di trasporti, è convinto che le funivie possano tenere testa al traffico crescente. “Le cabinovie ad ammorsamento automatico sono ormai indispensabili in ambito urbano. Gli impianti a fune possono infatti rappresentare un’integrazione intelligente ai mezzi di trasporto pubblico, potendo ridurre le code, risolvere i problemi di parcheggio e preservare l’ambiente. Le funivie sono inoltre configurabili in maniera flessibile, di poco ingombro e realizzabili in tempi rapidi e a costi d’esercizio relativamente contenuti, con ridotti impatti sull’ambiente. Gli impianti a fune non devono pertanto temere alcun confronto. In futuro abbiamo bisogno di nuove soluzioni e le funivie sono per molti aspetti la soluzione ideale per il trasporto di materiali e passeggeri. Le numerose esperienze maturate con progetti funiviari realizzati in ambito urbano lo confermano in modo inequivocabile”, ha affermato l’esperto.

I record giornalieri del trasporto urbano a La Paz

Le funivie sono la spina dorsale del turismo

Le funivie sono la spina dorsale del turismo nell’area alpina, garantiscono prosperità nelle zone periferiche e contrastano lo spopolamento. Gli impianti a fune in ambito urbano hanno un fine economico e sociale, ma non solo, contribuiscono infatti in misura considerevole allo smistamento del traffico. In questo importante settore economico e turistico operano numerose aziende, tecnici, operatori economici, enti statali e locali, esperti di turismo, legali ma anche persone legate al mondo della ricerca e delle tecnologie connesse con la costruzione degli impianti a fune. Il Congresso funiviario mondiale ha offerto loro un’opportunità di incontro e di scambio di idee a livello internazionale oltre alla possibilità di informarsi in occasione delle relazioni tecniche presentate sugli impianti a fune.

L’alto Adige  è pioniere nel settore funiviario

La prima funivia al mondo autorizzata per il trasporto pubblico fu inaugurata a Bolzano nel 1908. La funivia del Colle trasporta in pochi minuti abitanti e turisti dal fondovalle sull’idilliaco monte dei bolzanini. Ma già prima della Grande Guerra esistevano funicolari a Caldaro, al Virgolo e a Bolzano-Guncina oltre a una ferrovia a cremagliera che da Bolzano portava a Collalbo. Le scoperte del pioniere delle funivie Luis Zuegg di Lana determinarono poi ulteriori, rivoluzionari sviluppi.

Il programma di contorno ha entusiasmato gli ospiti internazionali

Non poteva naturalmente mancare la visita degli ospiti internazionali al Messner Mountain Museum di Castel Firmiano. “Noi in Alto Adige abbiamo per così dire contribuito a inventare gli impianti a fune e vantiamo una lunga tradizione nel settore, visto che i due grandi costruttori di funivie risiedono in questa regione. Senza le funivie il nostro turismo sarebbe impensabile. Questa forma di trasporto in montagna, e in futuro in misura crescente anche in ambito urbano, dovrà continuare a essere sviluppata e migliorata sotto l’aspetto tecnico”, ha affermato convinto il padrone di casa Reinhold Messner. Il congresso si è concluso con una serata di gala al Kursaal di Merano mentre per il giorno conclusivo è stata organizzata un’escursione a Soprabolzano con visita alla funivia del Renon e un incontro serale sulla storia delle funivie in Sudtirolo, Italia, Svizzera e Germania. Una mostra di foto storiche delle funivie altoatesine presso l’Eurac ha fatto da cornice al primo Congresso funiviario mondiale in Italia.

    Pubblicato da Leitner Ropeways

LEITNER ropeways è membro di HIGH TECHNOLOGY INDUSTRIES, che raggruppa i marchi PRINOTH (veicoli battipista e cingolati multiuso), DEMACLENKO (impianti di innevamento), LEITWIND (impianti eolici), POMA (impianti a fune), MINIMETRO (veicoli su rotaia) e AGUDIO (teleferiche). LEITNER ropeways opera nel settore degli sport invernali, del turismo e del trasporto urbano di persone. L’azienda, fondata nel 1888, ha la sua sede centrale a Vipiteno (BZ), Alto Adige/Italia. Stabilimenti produttivi per gli impianti a fune in Italia, Austria, Francia, Slovacchia, Stati Uniti e Cina.





Filtro multiplo per parole chiave, cliccale per filtrare, cliccale nuovamente per rimuoverle
$ Premium 1884 1908 1912 1929 1935 1937 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957 1958 1959 1960 1962 1963 1964 1965 1966 1967 1968 1969 1972 1973 1974 1975 1976 1977 1978 1979 1980 1981 1982 1983 1984 1986 1987 1988 1989 1990 1991 1992 1993 1994 1995 1996 1997 1998 1999 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016 2017 2018 2019 ABL Abruzzo Agamatic Agudio Algeria Aliauto Italia Allestimenti per piste da sci Alpina Snowmobiles Alpinbob Alpitec Altim Andorra ANEF Anticaduta Aperture estive Aperture invernali APM Applicazioni smartphone Arabbafly Argentina Attrazioni per parchi di divertimento ATW Australia Austria Automotore Azerbaijan Azionamenti elettrici Badoni Basilicata Battipista Belleli BGD BMB-Asi-Nidec BMF Bartholet Bolivia Bolognola Ski Brasile Brembo Ski Campania Canada Carlevaro e Savio Carrozzeria Cavallini Cartografia CCM Ceretti Tanfani Ceriani CFM CGD CGF CGR Cile Cina CLD CLF COGE Colombia Compac Concorsi Controllo accessi Convegni e seminari Corea Corsi di abilitazione Corsi di formazione Cortech Cortina2021 CWA CWR Demaclenko Ditte Divertimenti estivi Divertimenti invernali DMC Dolomiti Superski Doppelmayr EEI Egitto Emilia-Romagna EMMEGI Enel Eritrea Estonia Federfuni Fiere Finlandia Fotovoltaico Francia Frey Friuli Venezia Giulia FUF FUL FUN Funitek Funivie Madonna di Campiglio Funivie urbane Gangloff Garau Giuseppe Garaventa GEA Georgia Germania Gestione flotte Gestione piste Giappone GIS Solution Gradio Graffer Grecia Guatemala Hoelzl e Kone Hölzl Imprese Turistiche Barziesi INE Infotainment Inghilterra Innevamento alta pressione Innevamento bassa pressione Innevamento indoor Innevamento sopra lo zero Interalpin Kaessbohrer LATIF Lazio LEGO Leitner Ropeways Liguria Lombardia Londra LST Macchine operatrici Magazzini Malesia MAN Manifestazioni Marche Marchisio MCB MEB Impianti Messico MET Metalna MGD MGF MGF-J MND Group Molise Montaz Mautino Moosmair Mostre Motoslitte Mountain Planet MRL MRW Musei ed Esposizioni Nascivera Nepal Neveplast NeveXN Norvegia Nuova Zelanda OITAF Olanda Olimpiadi Pyeongchang 2018 Ospitalità in quota Personaggi PHB Pohlig Heckel Bleichert Piemonte Piemonte Funivie Pininfarina Piste artificiali Polonia Poma Poma Italia Portogallo PowerGIS Prinoth Prodotti per manutenzione Prowinter PWH Qatar Raduni Railcon Redaelli Referenze e statistiche Regno Unito Repubblica Ceca Rifugi e ristoranti Risparmio energetico Romania Rosnati Russia Sacif Safecom Sicilia Sicurezza sul lavoro Singapore SKIDATA Skipass Skiperformance SL Slittovia Slovacchia Slovenia Snowpark Snowstar Sacif Snowsuite Sochi2014 Spagna SPM SpA Stati Uniti Steurer STM Sistem Teleferik Svezia Svizzera Tappeti di imbarco Tappeti di risalita TechnoAlpin Teletrasporti Tesi TGD Thyssenkrupp Toscana Trasporto materiale Trentino Alto Adige Trojer Turchia Turismo in alta quota Ucraina Ungheria Valanghe Val Gardena Marketing Valle d'Aosta Veicoli Veneto Venezuela Vietnam Visite guidate VLE Von Roll Wipptal360 Zemella
Segnala un errore su questa pagina



Useremo i tuoi dati solo per correggere questo errore. Privacy